Coldiretti Marche, vola l’export agroalimentare: +9% nei primi sei mesi del 2019

Un aumento di circa il 9% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, secondo un’elaborazione di Coldiretti Marche su dati Istat

L’agroalimentare marchigiano continua a crescere anche nel secondo trimestre 2019 con il valore degli scambi con i paesi esteri che ha superato i 189 milioni di euro. Un aumento di circa il 9% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, secondo un’elaborazione di Coldiretti Marche su dati Istat. In particolare aumentano gli scambi con l’estero dei prodotti agricoli, della pesca e della manifattura alimentare in tutte le province con Ancona che guida la classifica per valore (oltre 60 milioni), seguita da Pesaro (50 milioni), Ascoli (38 milioni), Macerata (36 milioni) e Fermo (4 milioni).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra i settori più in forma ci sono quello della pasta di grano duro prodotta nelle Marche che aumenta il valore delle esportazioni del 5,5% e l’ortofrutta conservato che aumenta del 24%. Un settore che fa da traino alla regione e che non sembra risentire nemmeno delle incertezze dei principali mercati: +3,5% nella Germania a rischio recessione, +53% nel Regno Unito della Brexit, +26% negli Stati Uniti nonostante i dubbi legati ai dazi minacciati dal presidente Trump contro una serie di prodotti europei. “L'agroalimentare italiano ha sempre dimostrato di resistere e crescere anche nei periodi di criticità economica e politica del nostro Paese. – è il commento di Maria Letizia Gardoni, presidente di Coldiretti Marche - Grazie alla professionalità delle aziende e alle opportunità di filiera che Coldiretti sta costruendo con le principali industrie di trasformazione e distribuzione del territorio nazionale. Tuttavia, la regolamentazione dei mercati, il controllo delle importazioni e la legislazione europea sull'etichettatura di provenienza, rappresentano ancora le chiavi di volta su cui il nuovo governo italiano ed europeo devono continuare ad insistere”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio alla baia, le fiamme divorano il ristorante Spiaggia Bonetti

  • Ricercato in Italia, faceva la bella vita a Santo Domingo: preso latitante marchigiano

  • Alba di fuoco a Portonovo, ogni ipotesi aperta. Bonetti: «Una tragedia ma ripartiremo»

  • La polizia gli chiede i documenti e lui si rifiuta: «Non siete legittimati a farlo»

  • Piazza del Papa come un ring, volano anche bottiglie di vetro: tre giovani in ospedale

  • Terribile schianto in via Conca, tir perde il controllo e schiaccia un'auto

Torna su
AnconaToday è in caricamento