Scontrino elettronico, ecobonus e ristrutturazioni: la Cna illustra la finanziaria 2019

Questo il succo della finanziaria 2019 che è stata presentata agli imprenditori della Cna Zona Sud di Ancona ieri sera presso la sede Cna di Castelfidardo.

CASTELFIDARDO - Poche novità e una rivoluzione in vista per commercianti e artigiani in merito alle ricevute fiscali: lo scontrino elettronico. Questo il succo della finanziaria 2019 che è stata presentata agli imprenditori della Cna Zona Sud di Ancona ieri sera presso la sede Cna di Castelfidardo. L’incontro, promosso dalla locale associazione di categoria e dalla BCC di Filottrano, è stato introdotto da Marco Tiranti (presidente Cna Zona Sud) e da Giuliano Bianchi (Bcc capo area di Osimo-Camerano). La parola è poi passata al consulente fiscale Giuseppe Catani (Cna Service) che ha introdotto le novità sulla legge di bilancio 2019.

Molte le proroghe contenute: ristrutturazioni, risparmio energetico, ecobonus e iperammortamento sono stati sostanzialmente mantenuti. Per quanto riguarda il bonus mobili, invece, sarà possibile usufruirne solo da parte di chi ha iniziato una ristrutturazione nel 2018. Cancellato infine il superammortamento (ammortamento al 130% per l’acquisto di nuovi beni strumentali).

La novità più rilevante, oltre ai nuovi forfetari il cui limite di fatturato è stato ampliato a 65.000 euro, è sicuramente l’introduzione dal 1 luglio 2019 dello scontrino elettronico. Lo scontrino elettronico diverrà obbligatorio sostituendo quello cartaceo. Nel testo del decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2019 sono contenute le date per l’avvio dei relativi obblighi:

  • Il 1° luglio 2019 obbligo di emissione, memorizzazione e trasmissione giornaliera all’agenzia delle entrate degli scontrini elettronici per i contribuenti con volume d’affari superiore a 400.000 euro;
  • Il 1° gennaio 2020 l’obbligo di scontrino elettronico verrà esteso a tutti i titolari di Partita IVA.

Sospeso invece il provvedimento collegato della “lotteria degli scontrini”.

L’ultima novità del decreto fiscale riguarda la “pace fiscale” per chi ha debiti con l’Agenzia delle Entrate per il mancato versamento di imposte indicate nelle dichiarazioni annuali o di contributi sia all’Inps sia alle casse professionali. Questi contribuenti potranno regolarizzare la propria posizione, senza sanzioni o interessi di mora, a seconda del proprio Isee:

  1. 16% del dovuto per quelli che hanno un Isee fino a 8.500 euro;
  2. 20% per i nuclei con Isee fino a 12.500 euro;
  3. 35% per quelli con Isee da 12.501 a 20mila euro.

“Ormai da tempo si parla di scontrino elettronico – commenta Marco Tiranti, presidente della Cna Zona Sud di Ancona – un provvedimento che segue quello della fattura elettronica ed entrambi si inseriscono in un contesto di informatizzazione della nostra economia. Il provvedimento sicuramente è impattante per quanto concerne la sostituzione o la messa a norma degli attuali registratori di cassa, ma sono previsti anche degli incentivi per gli operatori contenuti già in questa finanziaria”.

Potrebbe interessarti

  • L’extra lusso fa tappa ad Ancona, in porto c'è il "Pelorus": è l'ex yacht di Abramovich

  • "Viagra naturale" e fonte di vitamine, ma il peperoncino può anche far male

  • Quando il freddo rovina il gusto: i cibi da tenere fuori dalla portata...del frigo

  • Il barbecue perfetto è quello fai da te: come costruirlo in poche mosse

I più letti della settimana

  • Malore in galleria, sbanda e si schianta contro un'altra auto: atterra l'eliambulanza

  • L’extra lusso fa tappa ad Ancona, in porto c'è il "Pelorus": è l'ex yacht di Abramovich

  • Malore fatale in auto, choc davanti al supermercato: Pietro non ce l'ha fatta

  • Cade dal tetto della sua azienda, Claudio ha lottato ma non ce l'ha fatta

  • Panico in città, crolla un solaio: soccorsi al lavoro per cercare persone sotto le macerie

  • Calci e pugni contro la compagna e la figlia: arrestato dopo il raptus di gelosia

Torna su
AnconaToday è in caricamento