Sospensione della contabilità economico-patrimoniale, Anci: «Fare presto il decreto»

Così il presidente dell'Anci Marche Maurizio Mangialardi

Maurizio Mangialardi

ANCONA – L’accoglimento in conferenza Stato-città della richiesta di sospendere l’obbligo della contabilità economico-patrimoniale per i piccoli comuni “è un risultato importantissimo – ha detto il presidente di Anci Marche Maurizio Mangialardi – che aprirà la strada a una reale ed efficace semplificazione degli obblighi in capo alle amministrazioni dei piccoli comuni che non sono in gradi di assolvere complessi adempimenti per carenze di risorse umane come invece possono fare i grandi comuni e le città metropolitane”.

“Nel prendere atto del positivo atteggiamento del Governo e dell’incisiva azione dell’Anci – insiste Mangialardi, coordinatore nazionale dei presidenti delle Anci regionali – è tuttavia necessario considerare i tempi ristretti per un provvedimento che sospenda tale obbligo in vista della scadenza del 30 aprile per la presentazione degli atti”. Anci Marche insiste perché si arrivi all’emanazione del provvedimento di sospensione o alla proroga dell’adempimento contabile al prossimo mese di settembre così da evitare ai piccoli comuni sanzioni per inadempienza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia fuori dalla galleria, pedone investito ed ucciso

  • Si fingono clienti, ma sono poliziotti: la squillo prende il cellulare e lo ingoia

  • Andava al circolo dagli amici, un furgone l'ha travolto: Gianni è morto così

  • L'auto sbanda e si ribalta, paura per madre e figlia: entrambe all'ospedale

  • Imprenditoria in lutto, un malore in bici gli è stato fatale: addio a Sandro Paradisi

  • Cocaina trovata dentro l'affettatrice, arrivano i sigilli: chiuso il bar della Baraccola

Torna su
AnconaToday è in caricamento