Confartigianato, strumenti per il lavoro: tavolo tecnico per il "tempo determinato"

Nelle Marche sono state 2.630 le imprese artigiane iscritte nel corso del 2018, livello inferiore rispetto al 2017 (2.744) e 3.244 le cessate, in lieve peggioramento rispetto allo scorso anno

Un importante dibattito nell’interesse delle imprese e dei lavoratori. Il mercato del lavoro e pensioni “ quota 100” sono stati al centro dell’incontro che si è tenuto presso la sede direzionale di Confartigianato ad Ancona con l’on. Claudio Durigon  sottosegretario di Stato del ministero del lavoro e delle politiche sociali e il sen. Paolo Arrigoni Questore del Senato. Nel suo intervento di apertura il segretario generale di Confartigianato Marco Pierpaoli ha proposto una analisi del contesto economico che ha fatto registrare negli ultimi anni un pesante calo del numero delle aziende artigiane: quasi 11.000 imprese scomparse in 8 anni .

Nelle Marche sono state 2.630 le imprese artigiane iscritte nel corso del 2018, livello inferiore rispetto al 2017 (2.744) e 3.244 le cessate, in lieve peggioramento rispetto allo scorso anno (3.222). Il saldo 2018 è negativo per 614 unità, in peggioramento rispetto a quello del 2017, pari a -478. Complessivamente, nella Regione si registra un saldo negativo di 594 imprese. Nonostante la chiusura di migliaia di aziende, ancora oggi le 39.629 imprese artigiane attive con 115.933 addetti rappresentano una ricchezza per la Regione e per l’occupazione.

La Confartigianato ha presentato, tramite la sua responsabile dell’area lavoro Maila Cascia, un documento con proposte ed integrazioni evidenziando le criticità dei principali provvedimenti governativi in materia di lavoro. In particolare sulle limitazioni poste all’uso del contratto a “tempo determinato” e alla “somministrazione” introdotte dal Decreto Dignità, il Sottosegretario ha proposto l’apertura di un tavolo tecnico per superare le rigidità delle causali che di fatto limitano notevolmente l’uso di questo strumento.

Su Pensioni “Quota 100”, l’On. Durigon rispondendo ad una domanda posta da Confartigianato rispetto al requisito dell’incumulabilità ha evidenziato la possibilità per l’imprenditore titolare o socio di rimanere in azienda a titolo gratuito come coadiuvante familiare per favorire il passaggio generazionale, nel rispetto della ratio della norma che è appunto quello di incentivare  il ricambio occupazionale. Confartigianato ha richiesto al Sottosegretario di formalizzare questa precisazione in una apposita circolare ministeriale.

Potrebbe interessarti

  • Trattorie fuoriporta ad Ancona, le migliori 5 secondo il Gambero Rosso

  • Smettere di fumare: dieci consigli utili per uscire dalla dipendenza

  • Forno a microonde, i vantaggi e rischi per la salute: tutto quello che devi sapere

  • Notte delle stelle cadenti: come, dove e quando vedere la pioggia di Perseidi

I più letti della settimana

  • Sfugge al controllo della mamma, l'auto lo travolge: morto un bimbo di 9 anni

  • Il mostro ha vinto dopo 4 anni di lotta, Ilenia è morta: la giovane mamma lascia 2 bambini

  • Orrore in mare, il cadavere di un uomo riaffiora dall'acqua a un miglio dalla costa

  • Va al cimitero per pregare il figlio, poi viene travolta: Silvana muore a 64 anni

  • Annegata dopo un tuffo con l'amica, Sofia ha lottato ma non ce l'ha fatta

  • La sua moto travolta in autostrada, centauro morto dopo lo schianto

Torna su
AnconaToday è in caricamento