Alluvione Senigallia: dalla Provincia oltre 400mila euro per il ripristino dell'Ipsia Padovano

Cinque interventi per un ammontari di oltre 400mila euro, finalizzati a garantire l'agibilità completa dell'Ipsia "Padovano" di Senigallia. E' questo quanto approvato dal commissario straordinario della Provincia di Ancona

ANCONA - Cinque interventi, per un ammontare di oltre 400 mila euro, finalizzati a garantire la piena agibilità dell'Ipsia "Padovano" di Senigallia  in vista del prossimo anno scolastico. È quanto approvato questa mattina dal commissario straordinario della Provincia di Ancona Patrizia Casagrande.

Le opere, che interesseranno le aule e i laboratori del piano terra, nonché la palestra e i locali a questa adiacenti, riguarderanno il ripristino delle pareti in cartongesso e della pavimentazione dei corridoi, la sostituzione delle porte e la tinteggiatura dei locali.

"Superare l'emergenza e tornare immediatamente alla normalità - afferma la Casagrande - è l'imperativo che ci siamo dati già dal giorno dopo l'alluvione e in questo imperativo rientra anche il ripristino delle scuole danneggiate. I lavori all'Ipsia Padovano, una delle scuole più danneggiate dagli eventi alluvionali dello scorso 3 maggio, verranno eseguiti durante il periodo estivo per garantire la regolare ripresa delle lezioni all'inizio del prossimo anno scolastico. A Senigallia l'edilizia scolastica rappresenta da anni un'eccellenza e faremo di tutto affinché continui ad esserlo anche in futuro".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scoppia un maxi incendio sul lungomare, chalet devastato dalle fiamme

  • Trovato morto in casa, sangue dappertutto: è giallo in via Togliatti

  • Trovato morto in casa dalla madre, il cane lo vegliava: pescatore stroncato da un malore

  • L’Amerigo Vespucci nei vostri scatti, le 10 foto più belle della dama del mare

  • Colpito per errore durante una battuta di caccia, muore davanti agli amici

  • Stroncato da un infarto sul traghetto per la Grecia: camionista muore a 57 anni

Torna su
AnconaToday è in caricamento