"Amici Animali" di Osimo: Sanna e Ruska, due musi da salvare

I ragazzi dell'associazione "Amici Animali" di Osimo ci raccontano il loro lavoro quotidiano a fianco degli animali abbandonati, e ci presentano due cucciolone bisognose di aiuto

Sanna

Sanna e Ruska, occhioni tristi di chi ha visto la crudeltà dell’uomo, ma la coda sempre in movimento come una bandiera che sventola per la speranza di un futuro migliore, per recuperare quel rapporto con quel grosso bipede che la natura gli ha messo a fianco come “migliore amico”, un amico da cui si viene regolarmente traditi ma che non si smette mai, nonostante tutto, di amare senza riserve e senza compromessi.
Abbiamo scelto solo due storie, fra le tante, per raccontare la meravigliosa fatica e l’impegno dei volontari dell’Associazione “Amici Animali” di Osimo, perché certe cose si capiscono meglio se sì da loro un nome, un volto, quattro zampe e una coda. Ascoltiamo queste storie dalla voce stessa dei volontari:

Sanna al canile dove si trovava non veniva curata” ci racconta Manuela, volantini alla mano “si gonfiava sempre di più e nessuno faceva niente. Siamo arrivati al punto che non riusciva più neanche a camminare, il gestore la voleva sopprimere perché tanto i soldi per curarla non li avrebbe mai spesi.
Allora l'abbiamo adottata noi, l'abbiamo portata in pensione e le abbiamo fatto fare un check up completo: oltre ad un problema di intolleranza alimentare Sanna è affetta anche da un disturbo ormonale, ma con una dieta adeguata e con medicine giornaliere ha iniziato a sgonfiarsi e a stare meglio. Vorremmo trovarle una famiglia che possa prendersi cura di lei, e pagheremmo noi le spese per le cure, che le saranno necessarie vita natural durante.
Cerchiamo anche l'adozione a distanza per Sanna, affinché ci aiuti a pagare la pensione in attesa di un'adozione definitiva.”

Per Ruska, purtroppo, stessa storia, stesso canile: “Non veniva curata, aveva la diarrea da mesi e mesi, ma nessuno faceva niente e Ruska dimagriva e si disidratava in modo allarmante. È andata sotto peso e temevamo il peggio. Se fosse rimasta in canile l'avremmo vista spegnersi lentamente. L'abbiamo adottata e portata nella stessa pensione di Sanna, le abbiamo fatto analisi e check up completo. Ruska aveva la Giardia, una infezione a livello intestinale che stiamo curando; si sta riprendendo molto bene.
Purtroppo è positiva alla Leishmania, anche se asintomatica: dovremo iniziare la terapia anche per questo. Ma per il resto Ruska sta benone. Anche per lei cerchiamo una famiglia che la adotti o che ci sponsorizzi a distanza.”
 
RuskaL’Associazione "Amici Animali" Onlus, nasce ufficialmente nel Novembre 2003, è regolarmente riconosciuta dalla Regione e iscritta nella lista delle associazioni Onlus del Comune di Osimo.
Al momento conta più di 100 iscritti, comprese tre Guardie zoofile, che si occupano degli ospiti di 5 strutture: i canili comunali di Osimo e Recanati e quelli privati Keraton, Federico I e Pet Food, rispettivamente a Jesi, Ostra Vetere e Corinaldo.

Il lavoro dei volontari è vario, ci spiega Manuela: “In ogni canile facciamo cose diverse, dal far sgambare i cani, al tosarli d'estate e far loro il bagno, diamo loro da mangiare, laviamo le cucce, laviamo le coperte d'inverno, puliamo loro le  orecchie, tagliamo le unghie, li spazzoliamo, li accarezziamo, li portiamo a spasso, li facciamo giocare, interagiamo con quelli più timidi, insegnamo loro a non tirare al guinzaglio, controlliamo i loro stato di salute e lo segnaliamo al gestore in caso di malattie.”

Ma anche chi non è volontario "a tempo pieno" può venire di tanto in tanto al canile: per adottare un cucciolo o un cane adulto, certo, ma anche solo per portare l'animale a fare una passeggiata, regalandogli un’ora di distrazione dalla sua solitudine e prigionia.

Per aiutare Sanna e Ruska: 3386422392






 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile frontale tra due auto, tragedia al tramonto: un morto e un ferito grave

  • Macabra scoperta al cimitero, neonato mummificato trovato sopra una bara

  • Tragedia in casa, trovato morto un papà di 44 anni

  • Tragico investimento in via Conca, l'uomo è morto in ospedale

  • Ucciso da un'auto davanti all'ospedale, Giuseppe era andato a trovare la moglie

  • Malore durante una partita di tennis, rianimato sul posto: è gravissimo

Torna su
AnconaToday è in caricamento