Nuova vita per via Mattei: approvati i lavori di riqualificazione

Una sinergia tra Porto, Comune e categorie per un progetto utile alla città. Nel frattempo al via i lavori per la rotatoria

Buche in via Mattei

Approvata dalla Giunta dorica la delibera per il rifacimento di via Mattei. Un intervento da 1milione e 200 mila euro che permetterà di ripristinare e mettere in sicurezza una delle direttrici più importanti della città, per l’accesso al porto e alle sue aziende, per il collegamento con Marina Dorica, per la capacità di fornire nuove soluzioni alla viabilità tramite la realizzazione di una ciclopedonale. Inoltre sono stati consegnati i lavori all'impresa Armonico Antonio di Ariano Irpino per il rifacimento della rotatoria di via Mattei che partiranno a giorni. La risistemazione è frutto di un’azione sinergica tra più soggetti interessati che si sono riuniti in passato in un tavolo tecnico. Infatti, su iniziativa dell'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centrale, il Comune di Ancona, ha partecipato ad un Tavolo Tecnico congiunto per la definizione di soluzioni condivise inerenti la riorganizzazione di questa sede viaria. Impegnati direttamente anche gli assessori Porto, Ida Simonella, Viabilità Stefano Foresi, ai Lavori Pubblici, Paolo Manarini, che hanno lavorato in sinergia seguendo passo dopo passo tutto l’iter. Il tavolo, convocato dall'Autorità di Sistema Portuale a più riprese tra la fine di agosto 2018 ed il mese di gennaio 2019, ha visto la partecipazione, oltre che del Comune di Ancona, della Capitaneria di Porto di Ancona, della Società Marina Dorica, della Dorica Port Services, di Confindustria Marche Nord, CNA Ancona, Confcommercio Marche, Confartigianato Ancona-Pesaro; le risultanze sono poi state condivise con i rappresentanti dei Cantieri delle Marche, CRN ed Isa-Palumbo.

«Questo proficuo confronto tra tutti i soggetti interessati - si legge nella nota del Comune - ha dato luogo ad una soluzione condivisa, volta a riorganizzare la sede viaria nel tratto di via Mattei compreso tra l'accesso al by-pass della Palombella e il viadotto proveniente dal quartiere Archi, con il mantenimento delle attuali funzioni di arteria principale di accesso e uscita dal Porto commerciale e dal Porto turistico e di strada di distribuzione per il polo della cantieristica. Parallelamente si è teso a garantire la piena percorribilità in sicurezza sia da parte dei flussi di traffico urbano e di accesso alle strutture produttive dell’area, sia di quelli commerciali e turistici di transito. Inoltre, l’intervento prevede sulla piattaforma stradale, separata con una corsia riservata, una pista ciclopedonale che serva sia alla mobilità pendolare che a quella turistica, permettendo la continuità tra Marina Dorica, tutto il fronte della cantieristica fino a via Einaudi, dove un secondo stralcio del percorso potrebbe ricongiungersi attraverso il Mandracchio con la ciclabilità urbana».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il progetto esecutivo 

Nei prossimi giorni verrà approvato il progetto esecutivo, a seguire si procederà alle procedure per la gara di appalto; considerando i tempi delle procedure di gara e post gara per i controlli previsti per legge, si prevede di poter procedere all'aggiudicazione dei lavori e alla consegna dei lavori per l'autunno 2020. Il progetto esecutivo prevederà una realizzazione per fasi successive, per garantire una migliore disciplina del traffico veicolare e della sosta; per il completamento di tutte le opere sono previsti 150 giorni;per quanto riguarda i mezzi pesanti, sono previsti 12 stalli per la sosta da 16,5 metri.Ma uno degli aspetti più importanti dell’intervento è la messa in sicurezza dello scambio dei flussi tra la viabilità principale e quella di servizio, dei vari accessi alla cantieristica, alle ditte di logistica e al porto turistico, mediante una rotatoria di connessione tra le due strade posta all'altezza della Camst. Anche la sosta veicolare privata, utile in particolare al personale impiegato nelle ditte del comparto produttivo, in sede di tavolo tecnico è stata affrontata con la previsione di due aree di sosta sottostanti il bypass proveniente dagli Archi e, in misura minore, al di sotto del by-pass della Palombella (questi ultimi interventi non sono ricompresi nello stralcio di opere di prossima realizzazione). «L'intervento - prosegue il comunicato - progettato dall'unità operativa Infrastrutture stradali del Comune di Ancona ,prevede , per la sicurezza della circolazione veicolare della zona portuale di collegamento tra il porto e la viabilità statale e autostradale, la bonifica profonda del sottofondo stradale dell'anello della rotatoria e dei tratti di collegamento con il resto della viabilità». Nei tratti dove la vecchia pavimentazione presenta segni di ammaloramento e le prove su piastra statica hanno dato esito negativo, si procederà ad alcune bonifiche del sottofondo stradale da completare con la posa in opera di una idonea membrana bituminosa antipumping e successiva stesa di materiale bituminoso. L'importo complessivo del progetto ammonta a  duecentomila euro e la durata prevista dei lavori è di sessanta giorni naturali e consecutivi.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il killer della porta accanto piantonato in ospedale, aggredì anche un uomo a sprangate

  • Schianto sulla strada per Portonovo, auto contro scooter: grave una donna

  • Positivo al Coronavirus con tosse e febbre, fermato in stazione: è passato per Ancona

  • Assunzioni al Comune di Ancona, 22 posti a concorso: domande dal 10 luglio

  • «Aiuto, lasciami, non mi toccare», le ultime parole di Fiorella prima del colpo mortale

  • Addio Matteo, fortissimo guerriero: in lacrime per il giovane consulente

Torna su
AnconaToday è in caricamento