Strada impraticabile, il cartello fa infuriare i residenti: botta e risposta con il Comune

I residenti sostengono di essere stati abbandonati dall’amministrazione comunale che però risponde alle accuse e annuncia una soluzione

Chiamarla nastro d’asfalto è un complimento immeritato. Via delle Fontanelle è una groviera, specialmente nei primi 80 metri che da via Appennini scendono in direzione Pontelungo. Dossi e buche si sono formati dopo 4 anni di cantiere per l’ampliamento delle abitazioni, sono stati creati dai mezzi pesanti che non potendo accedere da via Pontelungo a causa di un ponte troppo basso, entravano dall’altro estremo di via Appennini. Oggi quell’ asfalto ammazza gli ammortizzatori, ai lati della strada non ci sono guardrail o protezioni che la dividono dal fossato. Ci sono invece le illuminazioni pubbliche e ai residenti dunque sorge spontanea la domanda: la strada è veramente “vicinale”, classificazione che consegna a loro l’onere di manutenzione? Il Comune conferma anche se lo aveva già fatto nei giorni scorsi con l’installazione di un cartello (GUARDA IL VIDEO) che chi vive in zona considera ormai un segnale di abbandono: “Divieto di transito ai residenti, strada non comunale priva di manutenzione”: «E’ come se avessero detto che non gliene importa niente» commenta amaro Roberto Becca, uno dei residenti. Palazzo del Popolo respinge le accuse e replica con l’assessore alle Manutenzioni Stefano Foresi: «Il primo chilometro da via Pontelungo è comunale mentre il resto è strada vicinale, stiamo già valutando come intervenire parzialmente per quegli 80 metri messi peggio». Un lavoro di pronto intervento, assicura il Comune, è in fase di studio e una volta portato a termine potrebbe far sparire il discusso cartello. 

 La manutenzione di una strada vicinale è di norma delegata a chi possiede un affaccio sulla via. Il Comune può sostenere una parte delle spese solo se i residenti si riuniscono in un consorzio, cosa però non facile perché nei due estremi della strada ci sono condizioni differenti di asfalto e diversi sono anche gli interessi dei vari proprietari a partecipare all’intervento. Il 12 settembre del 2017 i vicinali, tra cui lo stesso Becca, hanno incontrato il Comune proponendo l’adozione di un Regolamento che vietasse il passaggio ai mezzi pesanti, salvo deroghe ma con il tracciamento dei veicoli autorizzati per poter attribuire eventuali responsabilità. “E’ trascorso ben più di un anno dall’ultimo incontro e quel cartello è il risultato della partecipazione democratica” protestano i residenti attraverso una segnalazione. 

«Non li ho dimenticati»

Foresi non ci sta e replica: «Il cartello siamo stati costretti a metterlo per questioni di sicurezza, ma io stesso ho fatto un sopralluogo una settimana fa con il tecnico responsabile del magazzino comunale, non mi sono dimenticato di quel posto» ha risposto l’assessore, che ha ricordato gli ultimi interventi per poi annunciare la prossima tappa: «A febbraio e a giugno il magazzino comunale è intervenuto da via di Pontelungo fino al civico 10 di via delle Fontanelle per la chiusura delle buche, già prima dello sfalcio delle erbe laterali, ora stiamo valutando i preventivi di spesa per intervenire sui dossi della parte iniziale (lato via Appennini). Stiamo verificando cosa si può fare per togliere il pericolo da quei primi 80 metri, non sono fuggito- prosegue Foresi- sono stato là diverse volte anche le domeniche della scorsa estate». Non è escluso, sostiene Foresi, che una volta eliminati i dossi il discusso cartello possa essere rimosso. In quel caso sarà impedito il passaggio ai mezzi pesanti come chiesto dai proprietari? «All’accesso di via Pontelungo il divieto di transito c’è già- ha ricordato l’assessore- in quello da via Appennini potremmo mettere il divieto di transito ai mezzi superiori ai 35 quintali, quello che prevede il codice della strada». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto, il centauro lotta tra la vita e la morte: si indaga sulle cause

  • Schianto sulla Cameranense, Giuliano è morto: ha donato gli organi

  • Il supermercato Tuodì chiude dopo 18 mesi dall'apertura: «Troppa concorrenza»

  • Ragazza annegata a Marina Dorica, sigilli sulla discoteca che le aveva dato da bere

  • La colonia di gatti sta per essere distrutta, l'appello disperato: «In 80 rischiano di morire»

  • Schianto pauroso sulla Cameranense, tre i mezzi coinvolti: motociclista gravissimo

Torna su
AnconaToday è in caricamento