homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Ambiente: Ancona il capoluogo più “verde” delle Marche, ma si può migliorare

Con 2,1 km quadrati di verde urbano il capoluogo anconetano è ben sotto la media nazionale per rapporto superficie-"green". Meglio sulle aree protette, dove può vantare un 26,4% della superficie totale

Ancona è il capoluogo di provincia con più verde urbano ma, se si considera la percentuale di aree “green” per abitante, i più felici sono i fermani con 33,5 metri quadri a testa. E’ quanto emerge da un’analisi della Coldiretti Marche sull’ultimo rapporto Istat relativo ai dati ambientali nelle città.

Nonostante la nostra regione sia tra le più rurali, i cinque capoluoghi sono ancora complessivamente indietro rispetto al dato generale del Paese. Ancona vanta 2,1 chilometri quadrati di verde urbano (l’1,7% del totale della superficie, contro una media nazionale del 2,7%), davanti a Pesaro (1,9 kmq, l’1,5% della superficie), Fermo (1,2 kmq, l’uno% della superficie), Macerata (0,9 kmq, l’uno% della superficie) e Ascoli Piceno che “sconta” l’assetto medievale e la pur pregevolissima costruzione in travertino con appena lo 0,2% di verde urbano (0,3 kmq).

Un dato sicuramente migliorabile, scrive la Coldiretti, magari attraverso il coinvolgimento delle imprese agricole nella manutenzione, secondo quanto previsto dalla legge di orientamento del 2001 che invita le pubbliche amministrazioni a stipulare convenzioni con gli agricoltori, e con il recupero di essenze autoctone marchigiane, prodotte nei vivai del territorio.

Se si passa però a considerare il rapporto tra verde urbano e numero di cittadini, continua la Coldiretti, gli abitanti che ne hanno più a disposizione sono i fermani, con 33,5 metri quadrati a testa. Più staccati maceratesi (22,1 mq a persona), anconetani (20 mq) e pesaresi (19,7 mq), mentre per ascolani ce ne sono appena 7,1 metri quadri. In questo caso solo Fermo rientra nella media nazionale (30,3 metri quadri per abitante).

A parziale consolazione c’è però il dato sulla presenza di aree naturali protette. Ancona primeggia con il 26,4% della superficie totale, davanti a Pesaro, con il 24,6%, molto sopra i numeri italiani che parlano di un 14,6% complessivo. Parziale riscatto ascolano, con l’8,1% della superficie destinata ad aree naturali, mentre né a Macerata né Fermo figurano zone di questo tipo.    

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Due musulmani pregano in aereo, allarme bomba sul volo Ancona-Roma

    • Cronaca

      Fichi in love, Max Cavallari si sposa: lo vestirà Luca Paolorossi

    • Cronaca

      Via Saline, sopralluogo per ripristinare le strade: si allontana l'ipotesi campo profughi

    • Sport

      Il Montemarciano Calcio compie 90 anni: festa con le vecchie glorie

    I più letti della settimana

    • Emergenza in mare, le acque tra Falconara e Mezzavalle invase dalle "cubomeduse"

    • Torrette, incendio al ristorante "Da Mizzio"

    • Via Torresi, si affaccia dalla finestra brandendo un'ascia e poi dà fuoco a casa

    • Accusa un malore mentre fa colazione, un passante le salva la vita

    • Terremoto, paura nell'anconetano: nella notte scossa di magnitudo 3.4

    • Torrette, incendio al ristorante "Da Mizzio": si è trattato di un incidente

    Torna su
    AnconaToday è in caricamento