Hiv, la Procura: «Condannate l'untore a 18 anni di reclusione»

Questa la richiesta di condanna da parte della Procura di Ancona al processo che vede alla sbarra il 36enne sieropositivo accusato di aver contagiato centinaia di partner

Pinti accompagnato in Tribunale in una precedente udienza

Dieci anni di seriepositività senza averlo rivelato alle sue partner, provocando la morte dell'ex convivente e lesioni gravissime all'ultima fidanzata. Per Claudio Pinti, il 36enne, accusato di essere l'untore di centinaia di donne, questa è la richiesta di condanna della Procura formulata davanti al gup Paola Moscaroli nel processo con rito abbreviato che si è aperto questa mattina.

Pinti, difeso dagli avvocati Alessandra Tatò e Andrea Tassi, era assente. Da dicembre, per l'aggravarsi della sua malattia, l'uomo è in un ospedale specializzato. La sentenza è prevista per il 7 febbraio. La vicenda era venuta alla luce dalle indagini dopo la denuncia di una delle ex fidanzate. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Trasporto ferroviario, Ceriscioli: «In 4 anni risultati importanti, avanti con i progetti»

  • Cronaca

    La discoteca era un magazzino, documenti falsi per avere le licenze: indagata la Commissione

  • Cronaca

    Evade per rubare in enoteca: quinto colpo in 3 mesi, ladro seriale in manette

  • Cronaca

    Ladri acrobati svaligiano l'appartamento, risveglio amaro per i proprietari

I più letti della settimana

  • Mangiare pesce ad Ancona, i migliori 10 ristoranti del 2019: la classifica

  • Stroncata da una malattia, muore a 19 anni

  • Dramma della solitudine: trovato senza vita in cucina, era morto da almeno 10 giorni

  • Precipita dal terrazzo, un volo di 3 metri: imprenditore ricoverato all'ospedale

  • Mangiare carne ad Ancona, la classifica dei migliori 5 steakhouse del 2019

  • Precipita dal balcone sotto gli occhi dei vicini, donna in gravissime condizioni

Torna su
AnconaToday è in caricamento