La Politecnica con Tipicità: tradizione e innovazione si incontrano

Torna Tipicità e anche in questa 27^ edizione la Politecnica sarà presente nello spazio “orto”, lo stand dedicato all’innovazione

la campagna marchigiana

Torna Tipicità dal 9 all’11 marzo e anche in questa 27^ edizione la Politecnica sarà presente per parlare di innovazione nella tradizione con il racconto di progetti di ricerca che riguardano il cibo, l’acqua e l’agricoltura. Nello spazio “orto” verranno messe in mostra le colture ortive invernali e primaverili, i cereali e le leguminose, le piante ornamentali e officinali coltivate nelle Marche. Alcune innovazioni tecnologiche per la gestione dell’acqua e l’agricoltura di precisione saranno disponibili in piccole prove e in video. Saranno anche disponibili video sulla potatura dell’olivo e sull’agricoltura biologica. Lo stand Univpm sarà dedicato a “Innovazione nella tradizione” e sarà diviso in due settori. Nel primo verranno esposti prodotti alimentari dell’Azienda Agraria “Pasquale Rosati” come testimonianza del profondo legame del nostro Ateneo con la tradizione. Nel secondo settore verranno esposti lievitati da forno e prodotti di pasticceria realizzati con farine convenzionali e con polveri di insetti edibili utilizzate come ingredienti innovativi. Ai visitatori dello stand verrà proposto un percorso sensoriale visivo e olfattivo alla scoperta delle potenziali applicazioni degli insetti edibili in campo alimentare. L’esperienza si concluderà con la somministrazione di un questionario volto a comprendere la propensione del consumatore verso prodotti innovativi contenenti insetti edibili. Nella Sala Dorica al teatro dei sapori si parlerà di agricoltura di precisione e insetti edibili. Sabato 9 marzo, dalle 12.30 alle 13.30 Un incontro con  Adriano Mancini per introdurre il tema dell’Agricoltura 4.0 e  Roberto Orsini sul Centro Smart Farming della Politecnica e sulle sperimentazioni in atto. Modera l’incontro il prof. Davide Neri.

Lunedì 11 marzo, dalle 10.30 alle 11.30 si parlerà di Insetti edibili con Sara Ruschioni e degli aspetti microbiologici con Cristiana Garofalo. Per colmare il divario crescente tra fabbisogno alimentare e scarsità di risorse rinnovabili ulteriormente aggravato dal cambiamento climatico, l'agricoltura europea deve concentrarsi su sistemi agricoli più sostenibili e più efficienti.  In particolare l’agricoltura del domani guarda ad un utilizzo sempre più spinto di robotica (droni, trattori autonomi) ed intelligenza artificiale con il nome di Agricoltura 5.0. Ciò non significa che l’uomo avrà un ruolo marginale, anzi sarà chiamato a prendere decisioni sulla base di quanto la tecnologia oggi consente di analizzare, ma lo farà con strumenti intelligenti di supporto alle decisioni. In questo scenario l'adozione dell'agricoltura conservativa e di precisione potrebbe rappresentare una valida risposta a questa emergente necessità. In questo ambito nel 2018, l’Università Politecnica delle Marche ha finanziato il progetto strategico “PFRLab: Setting-up of a Precision Farming Robotic Laboratory for cropping system sustainability and food safety and security” nell’ambito del quale, come primo risultato, è stato istituito il Centro di Ricerca e Servizi “Smart Farming” (SFARM) per favorire l'implementazione in aree rurali di un modello innovativo di "gestione agricola". Inoltre la Politecnica da tempo da sviluppando progetti di ricerca nell’abito degli insetti edibili. Si stima che gli insetti facciano parte delle diete tradizionali di almeno 2 mld di persone. Più di 1900 specie sono considerate fonte di cibo, nonostante nella maggior parte dei paesi occidentali l’entomofagia è vista con disgusto. Entro il 2050 arriveremo a 9 mld di persone al mondo e questo richiederà un incremento della produzione di cibo. C’è quindi bisogno di rivalutare e rinnovare le attuali fonti di sostentamento. Gli insetti edibili possono rappresentare una fonte proteica alternativa grazie al loro elevato apporto in nutrienti e al basso impatto ambientale. Al fine di garantire la sicurezza d’uso degli insetti edibili, è necessaria una approfondita valutazione del microbiota ad essi correlato. Lunedì 11 marzo alle ore 14:30 nell’Aula Crivelli si terrà il convegno “I progetti di paesaggio nelle Marche dopo il sisma del 2016”, tra gli interventi anche quello del rettore Sauro Longhi. Ingresso gratuito per gli studenti Univpm che porteranno il coupon (scaricabile dal sito di ateneo) e il libretto universitario.

Potrebbe interessarti

  • «Sai come se dice in Ancona?» I proverbi top del capoluogo marchigiano

  • La 5°B si ritrova 40 anni dopo la maturità: gita, ricordi e serate mondane

  • Formiche in casa? Prova con l'aglio: i rimedi naturali per allontanarle

  • Spiagge last minute a prezzi stracciati: basta un click con la startup anconetana

I più letti della settimana

  • Cellulare in bagno per copiare la versione, espulso dall'esame di maturità

  • L'invito a cena è una trappola: sequestrata in casa e stuprata

  • La vacanza finisce in tragedia: giovane papà muore schiacciato da un quad

  • In porto c'è l'Andrea Doria, il caccia della Marina aperto al pubblico per le visite a bordo

  • Chiedevano 70 euro a prestazione, scoperta la casa squillo sulla Flaminia

  • Scontro tra due auto e uno scooter, c’è un ferito e traffico paralizzato

Torna su
AnconaToday è in caricamento