Un team di studenti Univpm alla competizione per gli aspiranti analisti finanziari

In Italia quest’anno la competizione coinvolge gli studenti provenienti da otto atenei con l’analisi finanziaria di Interpump

Riparte la CFA Research Challenge, la competizione di finanza organizzata da CFA Institute, alla quale ogni anno partecipano le migliori università al mondo. In collaborazione con FactSet, Fidelity International e PwC, CFA Society Italy coordina la sfida locale che coinvolge gli studenti di otto atenei italiani.

All’edizione 2019 prendono parte otto squadre provenienti da Università Cattolica di Milano, Politecnico di Milano, Università Ca’ Foscari, Università di Modena e Reggio Emilia, Università di Pavia, Libera Università di Bolzano, Università Politecnica delle Marche e Università di Napoli Federico II.
L'Università Politecnica delle Marche partecipa alla CFA Research Challenge 2019 con un proprio team di studenti, guidati dal professore Marco Cucculelli  e dal mentor CFA Matteo Cassiani. Il team è composto da Alessandra Ciullo, Giulia Pepolino, Fabio Andruccioli, Michele Marinelli e Federico Ricci (vedi foto). Ciascun team, disponendo delle competenze di merito di un mentor e professionista CFA e dei sistemi analitici e finanziari FactSet, ha il compito di analizzare una società quotata in Borsa Italiana. La Politecnica partecipa al Challenge dal 2017 e nelle precedenti edizioni si è aggiudicata sempre un posto sul podio.

L’oggetto di studio di quest’anno è Interpump, leader mondiale di pompe a pistoni professionali ad alta pressione e uno dei principali gruppi operanti sui mercati internazionali nel settore dell'oleodinamica. Interpump Group nasce nel 1977 a S. Ilario d'Enza (RE), a opera di Fulvio Montipò, attuale Presidente e Amministratore Delegato. Dal 1996 la società è quotata alla Borsa Italiana, ed è attualmente inclusa negli indici FTSE Italia Mid Cap e FTSE Italia STAR.

Partendo da una sessione di confronto aperta e diretta con Luca Mirabelli, Head of Investor Relations di Interpump, gli studenti in gara dovranno redigere un report “Initial Coverage” e presentare il proprio lavoro in inglese a due panel distinti di professionisti del settore finanziario, tra cui analisti, gestori di portafoglio e responsabili degli investimenti. Secondo gli standard disposti da CFA Institute, la competizione si svolge su tre livelli. Alla prima fase nazionale, che si chiude con la vittoria della migliore squadra italiana, seguiranno le fasi regionali e quella globale. ll team vincitore della finale italiana – che si terrà il prossimo 28 febbraio a Milano presso gli uffici PwC – avrà l’opportunità di partecipare alla finale regionale EMEA a Zurigo il 10 e 11 aprile. La finale globale si disputerà a New York, il 25 aprile, con le squadre finaliste di Europa, Asia Pacifico e Americhe. L’eccellente grado di preparazione degli studenti del nostro Paese ha permesso al Made in Italy di primeggiare, con il team rappresentativo del Politecnico di Milano, alla finale regionale EMEA per ben tre volte, nel 2016, 2014 e nel 2011, e a quella globale nel 2011.

Informazioni su CFA Society Italy
CFA Society Italy, presente in Italia dal 1999, è l'associazione senza scopo di lucro che raggruppa i professionisti che operano nel campo finanziario e che hanno scelto di condividere rigorosi standard di integrità, formazione ed eccellenza professionale. Tutti gli associati aderiscono al Code of Ethics and Standards of Professional Conduct promosso da CFA Institute.  CFA Society Italy, offre un'ampia gamma di opportunità educative, organizzando eventi di formazione, facilitando lo scambio di informazioni e opinioni fra professionisti, promuovendo il CFA® Program, il CIPM® Program e l’Investment Foundation Program®. CFASI offre alle Università due competizioni: la CFASI Fund Management Challenge e la CFA Research Challenge.
 
Informazioni su CFA Institute 
CFA Institute è l'associazione mondiale di professionisti degli investimenti che opera a livello internazionale per sviluppare standard rigorosi di formazione, integrità ed eccellenza professionale. L’associazione promuove l’adesione a principi etici nella gestione dei mercati ed è importante punto di riferimento nella comunità finanziaria globale. L’obiettivo è la creazione di un contesto in cui gli interessi degli investitori siano al primo posto, i mercati finanziari funzionino al meglio e le economie crescano. Gli oltre 150.000 CFA Charterholder sono presenti in oltre 165 Paesi. CFA Institute ha 8 sedi nel mondo e oltre associazioni affiliate.

Potrebbe interessarti

  • «Sai come se dice in Ancona?» I proverbi top del capoluogo marchigiano

  • La 5°B si ritrova 40 anni dopo la maturità: gita, ricordi e serate mondane

  • Formiche in casa? Prova con l'aglio: i rimedi naturali per allontanarle

  • Spiagge last minute a prezzi stracciati: basta un click con la startup anconetana

I più letti della settimana

  • Cellulare in bagno per copiare la versione, espulso dall'esame di maturità

  • L'invito a cena è una trappola: sequestrata in casa e stuprata

  • Chiedevano 70 euro a prestazione, scoperta la casa squillo sulla Flaminia

  • Malore fatale mentre torna a casa dal lavoro, muore accasciato sul volante

  • Scontro tra due auto e uno scooter, c’è un ferito e traffico paralizzato

  • Lo sterzo si blocca, si schianta contro un'auto e si ribalta: un ferito

Torna su
AnconaToday è in caricamento