Vende la sua Porsche Cayenne ma l’assegno era falso, denunciato e auto scomparsa

I militari dell’Arma gli hanno chiesto informazioni sul Porsche Cayenne oggetto della truffa, ma l’uomo non ha fornito indicazioni utili

Porsche Cayenne - foto dal sito Porsche.it

I carabinieri di Senigallia hanno denunciato per truffa un uomo di 61 anni residente in provincia di Rimini. Tutto è iniziato nel mese di luglio, quando un senigalliese ha pubblicato su Subito.it un annuncio per la vendita di una Porsche Cayenne, fissando il prezzo a 22mila euro. A fine settembre l’uomo è stato contattato da una persona interessata all’acquisto, che gli ha dato appuntamento a Senigallia per effettuare la compravendita. I due si sono incontrati in una agenzia di pratiche automobilistiche, dove l’acquirente ha consegnato un assegno circolare che riportava la somma corretta. Purtroppo per il venditore però l’assegno è risultato falso, ma quando l’uomo se ne è reso conto era troppo tardi. Il truffatore è riuscito a scappare con la Porsche, ma grazie alle informazioni fornite dalla vittima i Carabinieri sono riusciti ad identificarlo.
 

Le ricerche dell’uomo, che gravita principalmente nei comuni della Romagna, si sono protratte per qualche settimana, fino a quando, due giorni fa, è stato rintracciato a Coriano. I militari dell’Arma gli hanno chiesto informazioni sul Porsche Cayenne oggetto della truffa, ma l’uomo non ha fornito indicazioni utili al ritrovamento dell’auto. Alla fine il 61enne è stato denunciato per truffa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Natale è lontano, ma non troppo: i consigli per decorare l'appartamento con stile

  • Trova la madre morta in bagno, arriva la polizia: tragedia in un appartamento

  • Il lungomare sommerso da acqua e detriti, danni ingenti a ristoranti e stabilimenti

  • Scoppia una cisterna, uomo travolto dall'esplosione: tragedia sfiorata in azienda

  • Chiede l'elemosina al market, mostra i documenti ma è troppo tardi: denunciato

  • Corruzione, Caglioti sospeso per aver rispettato segreto su indagini: «E' dittatura»

Torna su
AnconaToday è in caricamento