Auto acquistate ma gli assegni erano “cabrio”: denunciati i truffatori

Le vittime hanno raccontato alla polizia di aver venduto auto di valore ma di essere state pagate con titoli privi di fondi

Due episodi apparentemente scollegati tra loro ma con tante coincidenze che non sono sfuggite alla polizia. Vittime una donna di Senigallia, che aveva messo in vendita un’auto sportiva all’interno di una concessionaria, e il titolare di un’altra rivendita d’auto che aveva trattato la vendita di un veicolo. Entrambi pagati con assegni poi risultati scoperti. Nel primo caso la donna ha anche tentato di interloquire al telefono con l’acquirente ma, nonostante le rassicurazioni, non ha percepito un euro.

Storie troppo simili tra loro. Tant’è che i poliziotti hanno scoperto che l’acquirente era sempre accompagnato da una donna. Gli accertamenti di polizia hanno portato all’identificazione di un 25enne e una 27enne, entrambi esteuropei residenti in provincia di Pesaro. Sono stati denunciati per truffa aggravata in concorso.

Potrebbe interessarti

  • La pausa ideale, dove gustare i migliori 10 caffè di Ancona

  • Scarafaggi in casa, la disinfestazione può aspettare: come liberarsene da soli

  • Estate 2019, tutte le informazioni per la vacanza perfetta a Portonovo

  • “Farai la fine del ca’ de Luzi”, il detto anconetano tra leggenda e verità

I più letti della settimana

  • Un caso di febbre Dengue ad Ancona, è allerta: scatta il piano di prevenzione

  • Terribile schianto in A14, traffico bloccato: un ferito in gravissime condizioni

  • Inferno in A14, colpa del cambio di carreggiata: 27enne in gravissime condizioni

  • Carambola da paura nella notte: 7 i coinvolti, due feriti gravi

  • Sms di addio agli amici, poi esce di casa per buttarsi dal Passetto: salvato dai carabinieri

  • Violento frontale al Vallone, donna gravissima: automobilista ubriaco fugge per campi

Torna su
AnconaToday è in caricamento