Tredicesima, quando arriva e come calcolarla

Dicembre è il mese del Natale, ma per alcuni lavoratori anche della tanto aspettata tredicesima mensilità: ecco chi ne ha diritto e come calcolare l'importo

Dicembre è un mese gradito a tutti i lavoratori, oltre che per il Natale, anche per l'arrivo della tanto sospirata tredicesima mensilità, definita anche gratifica natalizia. Quel tanto agognato stipendio in più erogato dal datore di lavoro o dall'ente al dipendente prima della fine dell'anno. Ma quando arriva la tredicesima? Ovviamente non esiste una data unica, dipende tutto dalla tipologie di contratto. Esistono dei casi in cui la tredicesima viene rateizzata durante l'anno, ma nella maggior parte delle situazioni la mensilità aggiuntiva viene pagata con lo stipendio di dicembre, prima delle vacanze natalizie. La somma percepita viene calcolata in base ai giorni lavorati da gennaio a dicembre dell'anno in corso. 

A chi spetta la tredicesima?

Purtroppo non tutti i lavoratori possono godere di questa 'gratifica natalizia', la tredicesima infatti spetta ai lavoratori assunti con contratto determinato o indeterminato, ai pensionati anche con la minima e a chi ha la reversibilità. La tredicesima viene maturata anche in caso di riposi, ferie, infortuni e per le assenze fatte per assistere un familiare malato, ovviamente rimanendo nei limiti che permettono di conservare il proprio posto di lavoro. Sono invece esclusi dal conteggio i giorni di sciopero, di congedo parentale, permessi e aspettative non retribuite, i compensi per gli straordinari, notturni o festivi.

Come calcolarla

Di norma la tredicesima dovrebbe avere un importo simile allo stipendio mensile, ma non c'è da stupirsi quando si trova una somma inferiore al normale. La tredicesima mensilità infatti è tassata e non beneficia di alcuna detrazione né per il lavoratore dipendente né per i familiari a carico. Per i lavoratori domestici, che potrebbero aver qualche difficoltà in più nel calcolarla, l'Inps ha messo a disposizione un simulatore online sul sito ufficiale. Va ricordato che per i lavoratori con un contratto part-time l'importo maturato varia in maniera proporzionale in base alle ore lavorative. Per tutti gli altri lavoratori il calcolo è molto semplice: basta moltiplicare lo stipendio lordo per il numero dei mesi lavorati, dividendo il tutto per il totale delle mensilità, ossia 12.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane si toglie la vita lanciandosi contro un treno, disagi sulla tratta ferroviaria

  • Assiste all'esordio del figlio con l'Ascoli e poi si ricovera, la tenera lettera in ricordo di Roberto

  • Terribile frontale, nuovo bollettino: «Il bambino è ancora in condizioni critiche»

  • Schianto terribile a Posatora, tenta di evitare un gatto e si ribalta: è grave

  • Un male incurabile le ha spento il sorriso, la città piange Carla Fraboni

  • Vedere il figlio nel calcio professionistico, il sogno di papà Roberto si realizza prima di arrendersi alla malattia

Torna su
AnconaToday è in caricamento