Ecco “Super-abile”, per accogliere vittime di violenza e tortura

Arriva nel capoluogo il progetto di assistenza a richiedenti asilo e vittime di violenza e tortura. Assegnati già sette alloggi ad altrettante famiglie nel quartiere del Piano San Lazzaro

Sbarca ad Ancona il progetto “Super-abile”, nato per migliorare il sistema territoriale di accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati vittime di violenza e tortura. Si è infatti svolta questa mattina, nei locali della II circoscrizione, la cerimonia per la firma dei contratti di accoglienza che definiscono i diritti e i doveri dei beneficiari accolti.
A prendervi parte l’assessore alle Politiche sociali della Provincia di Ancona Gianni Fiorentini, il presidente di circoscrizione Stefano Foresi e i rappresentanti delle associazioni partner del progetto, il Gus di Macerata e il Circolo culturale Africa di Ancona.

Il progetto, già attivo a Jesi, accoglierà nel capoluogo tre famiglie somale, una marocchina, una kurda-irachena, una armena e una signora nigeriana. Si tratta di perone già presenti nel territorio provinciale, con i bambini in età scolare inseriti nelle scuole.
L’intervento rappresenta il primo progetto nel settore dell’asilo finanziato nella provincia di Ancona e ha ricevuto risorse comunitarie pari a ben 416 mila euro. Ai beneficiari verranno assegnati degli appositi alloggi nel quartiere Piano San Lazzaro e saranno assistiti nelle esigenze quotidiane, nelle pratiche legali e nel processo di apprendimento dell’italiano, attraverso le attività socio-ricreative realizzate da un’equipe multidisciplinare.

“Abbiamo accolto con molta soddisfazione questo progetto – aggiunge il presidente della II circoscrizione Stefano Foresi – perché negli ultimi dieci anni il nostro quartiere ha visto un incremento del 600% di persone immigrate, passando da 1200 a 6800 presenze con ben 98 etnie. Questa è la realtà in cui viviamo: dobbiamo affrontarla senza alcun pregiudizio e facendo rispettare pienamente le regole per costruire una vera integrazione. Farlo significa progettare insieme, italiani e stranieri, l’accoglienza, l’inserimento, l’apprendimento della lingua e il recupero scolastico”.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto dopo un'operazione alla tiroide, l'autopsia: Maycons ucciso da una emorragia

  • Investita sulle strisce pedonali nella strada maledetta: grave una donna di 53 anni

  • Morto dopo un'operazione alla tiroide, ci sono 10 indagati tra medici e infermieri

  • «Mi ha fotografata mentre ero in bagno». Scoppia la lite al mare, arriva la polizia

  • Agguato sotto casa, accerchiato e aggredito da due uomini: uno era incappucciato

  • Tamponano un carabiniere, l'auto si ribalta: all'ospedale due donne e un neonato

Torna su
AnconaToday è in caricamento