menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Carceri: detenuto 54enne si suicida in cella a Montacuto

Un altro suicidio al carcere di Montacuto, ad Ancona: un detenuto italiano di 54 anni, che stava scontando la pena per l'omicidio della moglie, si è ucciso impiccandosi ad un elemento del termosifone

Nella foto: il carcere di Montacuto ad Ancona

Un altro suicidio al carcere di Montacuto, ad Ancona: un detenuto italiano di 54 anni, che stava scontando la pena per l'omicidio della moglie, si è ucciso impiccandosi ad un elemento del termosifone. Si tratta di Maurizio Foresi, autotrasportatore originario di Civitanova Marche che il 14 gennaio scorso aveva ucciso la moglie Grazia Tarkowska, di origine polacca, a colpi di pistola.

"Nelle carceri - è il commento del segretario regionale del Sappe, Aldo Di Giacomo, che sta portando avanti da una ventina di giorni uno sciopero della fame per richiamare l'attenzione del mondo politico sulle condizioni di vita negli istituti di pena italiani - si continua a morire come se fosse una cosa normale, ma non è normale."

Fonte: ANSA
 

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cronaca

      Marcelli, «Dammi i soldi» e tira fuori una pistola: rapinata nota coppia di ristoratori

    • Incidenti stradali

      Incidente tra auto e scooter, motociclista vola dopo lo schianto: è in gravi condizioni

    • Cronaca

      Via Giordano Bruno, rissa davanti ad un bar: commercianti barricati

    • Cronaca

      Ladri all'istituto superiore Savoia-Benincasa, portati via contanti e computer

    Torna su