Strage in discoteca, ci sono nuovi indagati: oggi sopralluogo dei periti

La Procura di Ancona ha iscritto 2 nuovi nomi nel registro degli indagati nell’ambito dell’inchiesta sulla strage della discoteca mentre stamattina i carabinieri torneranno lì per togliere i sigilli

La Lanterna Azzurra sotto sequestro

La Procura di Ancona ha iscritto 2 nuovi nomi nel registro degli indagati nell’ambito dell’inchiesta sulla strage della Lanterna Azzurra di Corinaldo mentre stamattina i carabinieri torneranno per togliere temporaneamente i sigilli alla discoteca per consentire il sopralluogo dei periti, incaricati di effettuare tutta una serie di valutazioni per rispondere a 4 quesiti posti dagli inquirenti. 

Altre due persone indagate

Si tratta di Marco Cecchini, 30 anni di Corinaldo, ritenuto dalla procura co-gestore dell’evento che avrebbe dovuto vedere l’arrivo del trapper Sfera Ebbasta la notte tra il 7 e l’8 dicembre scorso, e Gianni Ermellini, 40 anni riminese di Montefiore Conca, responsabile della sicurezza del locale in quella tragica notte. Sia Cecchini, figlio di Quinto Cecchini e noto con il nome d’arte Dj Marcos, sia Ermellini sono accusati di concorso in omicidio colposo plurimo e lesioni colpose aggravate. 

E’ il giorno della prima perizia 

Ad entrare nella discoteca, oltre agli inquirenti, sarà l’ingegner Costanzo Di Perna, professore ordinario di fisica tecnica ambientale del Dipartimento di Energia Industriale e scienze matematiche della facoltà di ingegneria dell’Università Politecnica delle Marche. Con lui anche il tenente colonnello dei Carabinieri Marcello Mangione , ingegnere civile al comando generale dell’Arma. Sono 4 i quesiti a cui cercheranno di rispondere. Primo: capire se qualcosa possa essere andato storto nel sistema che genera il fumo bianco dei locali per gli effetti speciali, campionando eventuali sostanze presenti, guardando anche ai sistemi di refrigerazione come ad esempio frigoriferi del bar. Secondo: sempre per capire se qualcosa possa essere successo lì, campionare sostanze eventualmente presenti nel congelatore a pozzetto ubicato nel bar mobile vicinissimo all’uscita di sicurezza numero 2. Terzo: verificare la presenza di capsaicina, composto chimico presente nel peperoncino e nei suoi derivati. Quarto: valutare la rispondenza dei luoghi rispetto all’autorizzazione per l’attività di pubblico spettacolo rilasciata alla Magic Srl il 20 ottobre 2017 dall’Unione dei comuni Misa-Nevola, anche in riferimento al piano di emergenza e di evacuazione, alle vie di fuga e al funzionamento delle luci di emergenza e ogni altro accertamento che abbia la caratteristica della irripetibilità come lo stato del punto di ancoraggio della balaustra ai lati dell’uscita di sicurezza numero 3. Quella appunto dove trovarono la morte 6 persone. 

Potrebbe interessarti

  • La pausa ideale, dove gustare i migliori 10 caffè di Ancona

  • Scarafaggi in casa, la disinfestazione può aspettare: come liberarsene da soli

  • Estate 2019, tutte le informazioni per la vacanza perfetta a Portonovo

  • “Farai la fine del ca’ de Luzi”, il detto anconetano tra leggenda e verità

I più letti della settimana

  • Luca padre di due bimbi, stroncato dalla cima-killer: si indaga per omicidio colposo

  • Un caso di febbre Dengue ad Ancona, è allerta: scatta il piano di prevenzione

  • Terribile schianto in A14, traffico bloccato: un ferito in gravissime condizioni

  • La cima si stacca dalla nave durante l'attracco, la frustata mortale uccide un portuale

  • Elisa trovata morta vicino al suo cane, l'autopsia rivela: «E' stato un malore»

  • La partita finisce in guerriglia, maxi rissa sugli spalti: pugni e bottigliate tra anconetani e sambenedettesi

Torna su
AnconaToday è in caricamento