Strage in discoteca, sono 7 i feriti gravi in prognosi riservata: oltre 65 i ragazzi ricoverati

L'azienda ospedaliera ha fatto il punto sui feriti ricoverati all'ospedale regionale di Torrette. In 7 stanno ancora lottando tra la vita e la morte

I soccorsi davanti alla discoteca

E' stato aggiornato il bilancio dei feriti ricoverati dopo la strage di questa notte all'interno della discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo. Sono sette i giovani, di cui due ragazzi e cinque ragazze tra i 14 ed i 21 anni, trasportati in codice rosso all'ospedale regionale di Torrette e ricoverati in terapia intensiva nel reparto di rianimazione. Le loro condizioni sono stabili ma la prognosi rimane ancora riservata. Sempre all'interno del nosocomio del capoluogo sono stati ricoverati altri 7 giovani, uno in codice rosso che attualmente si trova al pronto soccorso in attesa di essere valutato, uno in codice giallo e 5 in codice verde. A confermarlo è stato il dirigente medico Roberto Papa: «I feriti più gravi si trovano tutti qua in ospedale - conferma - mentre i deceduti sono all'obitorio ed in questo momento sono a disposizione dell'Autorità Giudiziaria per tutti gli accertamenti necessari. Subito dopo la tragedia abbiamo attivato sul posto un team di psicologi, coordinato dall dottoressa Giorgia Cannizzaro, che ha fornito aiuto psicologico sia ai feriti che alle persone coinvolte solo emotivamente».

Intorno all'ora di pranzo la situazione è pian piano ritornata alla normalità, grazie anche alla disponibilità di altri ospedali della Regione che si son fatti carico di alcuni tra i pazienti ricoverati. Durante la conferenza si è parlato anche della causa che ha poi scatenato il fuggi fuggi all'interno del locale. Alcune testimonianze hanno parlato di uno spray urticante che avrebbe impedito ai ragazzi presenti di respirare. Proprio di questo hanno parlato i medici affermando che: «per ora nulla di questo è stato accertato e che tutti i ragazzi ricoverati presentano solamente lesioni da schiacciamento e che altre valutazioni verranno fatte nelle prossime ore». In totale sono stati ricoverati 63 pazienti, di cui 49 negli ospedali di Fano, Jesi e Senigallia e 14 presso la struttura di Torrette. Della vicenda ha parlato anche il governatore Ceriscioli che ha fatto un plauso all'operato dell'azienda ospedaliera, affermando che ora bisognerà accertare ogni responsabilità. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'addio a Fiorella Scarponi, al funerale anche il marito. Le figlie: «Sei il sole che splende al mattino»

  • Crisi respiratoria fatale, addio Alessia: muore a 22 anni dopo 8 giorni di agonia

  • Pauroso incidente tra 4 auto, 2 finiscono in un campo: ci sono dei feriti

  • Positivo al Coronavirus con tosse e febbre, fermato in stazione: è passato per Ancona

  • Assunzioni al Comune di Ancona, 22 posti a concorso: domande dal 10 luglio

  • Scattano i controlli sulle spiagge, entra senza prenotazione e viene multato

Torna su
AnconaToday è in caricamento