Da marito a stalker morboso: la moglie scappa con i figli e lo denuncia

Dopo le indagini della Squadra Mobile, il gip ha disposto l'allontanamento dal nucleo familiare e il divieto di avvicinamento alla donna per un 43enne

foto d'archivio

Era arrivato a controllare ogni sms che riceveva e ogni singolo spostamento. Tutto per una gelosia incontrollabile che è andata peggiorando nel tempo, al punto da spingerlo a mettere le mani addosso alla moglie, costretta a rifugiarsi con i figli a casa di amici e parenti. Un incubo a cui hanno posto fine i poliziotti della Squadra Mobile di Ancona che nella serata di ieri (13 agosto), guidati dal capo Carlo Pinto e coordinati dalla Procura, su disposizione del gip, hanno applicato a un anconetano di 43 anni la misura cautelare dell’allontanamento dall’abitazione familiare, il divieto di avvicinamento alla moglie e a i luoghi da lei frequentati tra cui quello di lavoro, con contestuale divieto di comunicare con la donna attraverso qualsiasi mezzo (telefono, fax, internet, email), con effetto immediato. 

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, allertati da segnalazioni occasionali, la vittima da circa due anni subisce vessazioni diventate sempre più gravi e pericolose non solo per lei stessa ma anche per i loro figli. Tutto sarebbe cominciato quando, a seguito di una serata trascorsa dalla donna in compagnia di amiche, il marito è diventato via via sempre più morbosamente geloso, senza alcun motivo apparente. Era convinto che lo tradisse e a nulla sono valsi i tentativi della donna di dimostrargli che si sbagliava. Sopraffatto da un black-out mentale, l’uomo ha cominciato ad avere un comportamento pressante, dettato dalla gelosia esasperata e dava inizio alle condotte tipiche di chi vuole prendere possesso incondizionato della vita altrui, controllando il telefono della compagna e ogni suo singolo movimento, fino a renderle la vita impossibile. Con il passare del tempo la situazione è degenerata ed è culminata in aggressioni e violenze che hanno costretto la donna a fare ricorso alle cure mediche, nonché a rifugiarsi con i figli da amici e parenti. La corretta ricostruzione dei fatti, svolta dalla polizia, ha permesso di delineare un preciso quadro indiziario da far temere per l’incolumità della donna e dei loro figli. Per questo il gip ha disposto la misura cautelare nei confronti dello stalker. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scoppia un maxi incendio sul lungomare, chalet devastato dalle fiamme

  • Guida l'Espresso 2020, due ristoranti anconetani tra i 10 migliori d'Italia: la classifica

  • Schianto nella notte, scooter travolto da una Harley Davidson: muore a 17 anni

  • Addio Elia, morto a 17 anni in sella al suo scooter: una comunità intera sotto choc

  • Sequestrata la supercar dei ladri, dentro un arsenale: spallata alla banda dell'Audi scura

  • Aggressione in piazza, donna tira varichina in faccia ad un passante: resta ustionato

Torna su
AnconaToday è in caricamento