Spaccio e altri reati, la polizia gli revoca il permesso di soggiorno

Controlli serrati ai Giardini Morandi: tre nigeriani sono stati fermati ed espulsi. Uno di loro era un richiedente asilo ma il suo permesso era scaduto

la polizia ha fermato alcuni stranieri

Basta spaccio, basta aggressioni. Per strappare il Giardini Morandi, due passi dalla stazione di Senigallia, da balordi e spacciatori la polizia ha deciso di scendere in campo in forze. Negli ultimi giorni l'area è stata presididata oltre che dagli agenti del Commissariato anche dall'Anticrimine, arrivata da Perugia, e dalle unità cinofile. Fermati diversi extracomunitari. In particolare un 25enne nigeriano aveva un permesso per asilo politico scaduto da qualche mese. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'uomo è stato espulso ed accompagnato in un Cie prima del rimpatrio. Permesso di soggiorno revocato invece a un altro nigeriano sul quale gravavano diversi precedenti per spaccio e reati contro la persona. Espulso anche il nigeriano che nei giorni scorsi si era reso protagonista della violenta aggressione ai danni di due pachistani e in precedenza arrestato perché trovato in possesso di marijuana. Controlli serrati che il Commissariato intende estendere anche ad altre parti della città come, ad esempio, i Giardini della Rocca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Asteroide in arrivo, lo vedremo dal balcone: «Il vero spettacolo però sarà la cometa»

  • Coronavirus, facciamo chiarezza: quali sono i sintomi e come si trasmette

  • Storico macellaio e uomo generoso, Furio è morto di Covid: «Il tampone fatto troppo tardi»

  • Orrore davanti al mercato: uomo trovato morto in strada dopo un tragico volo

  • Dati sempre più allarmanti, Marche tra le regioni con più morti e positivi al Coronavirus

  • Rompono le recinzioni per andare al mare, la passeggiata costa cara: 400 euro a testa

Torna su
AnconaToday è in caricamento