Alluvione: Spacca sollecita la dichiarazione dello stato di emergenza

Passaggio fondamentale: solo con la dichiarazione potranno essere avviati i procedimenti utili, anche sotto il profilo fiscale e tributario, per assicurare interventi a favore delle famiglie e delle imprese danneggiate

La giunta regionale presieduta dal presidente della Regione Gian Mario Spacca ieri mattina ha deliberato di sollecitare, tramite una nota al presidente del Consiglio Matteo Renzi, la dichiarazione dello stato di emergenzagià richiesta dopo l'eccezionale ondata di maltempo del 2 maggio scorso nelle Marche.

La Regione Marche, già dalla scorsa settimana, ha ultimato e inviato all’attenzione del Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri le attività di competenza ai fini della dichiarazione dello stato di emergenza di cui all’art.5 della Legge n.225 del 1992 per  le eccezionali condizioni metereologiche avverse che dal 2 al 4 maggio hanno interessato l’intero territorio regionale ed in particolare la zona di Senigallia.

L’auspicio della giunta è quindi “che la dichiarazione dello stato di emergenza, venga assunta possibilmente nella prossima seduta del Consiglio dei Ministri”.

Si tratta di un passaggio fondamentale, in quanto solo con la dichiarazione potranno essere avviati i procedimenti utili, anche sotto il profilo fiscale e tributario, per assicurare interventi a favore delle famiglie e delle imprese fortemente danneggiate.

La nota ed i dettagli formali della richiesta di stato di emergenza sono stati resi noti anche a tutti i parlamentari marchigiani.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 35 anni sotto gli occhi del fratello, tragedia nella baia: inutili i soccorsi

  • L’autovelox delle polemiche è stato spento

  • Il tour della paura, le cinque dimore più infestate di Ancona e dintorni

  • Problemi al cuore, Mario Cipollini ricoverato a Torrette: «Sono molto provato»

  • Travolta mentre è in sella al suo scooter, grave una ragazza

  • Allarme formaldeide nelle classi, il sindaco ordina la chiusura del nuovo asilo

Torna su
AnconaToday è in caricamento