Costi troppo alti: la Croce Gialla di Ancona sospende un’ambulanza

"Abbiamo cercato in tutti i modi di procrastinare questa decisione per il bene della cittadinanza, ma l'assoluta immobilità della Regione Marche ci vede costretti a dover limitare le perdite a cui siamo esposti"

Il presidio delle ambulanze davanti alla Regione Marche

I costi sostenuti sono troppo alti e così, a partire dal 1 febbraio,  la Croce Gialla sospenderà il servizio di emergenza 118 effettuato con l’ambulanza in convenzione a 12 ore dalle 8 alle 20. Resta invece operativo il mezzo in convenzione a 24 ore.

“Abbiamo cercato in tutti i modi di procrastinare questa decisione per il bene della cittadinanza – ha comunicato la Croce Gialla dorica ai cittadini, dalla bacheca Facebook –  ma l’assoluta immobilità della Regione Marche, nel riconoscere le spese effettivamente sostenute per i servizi effettuati dalle associazione di volontariato non ancora definita, nonostante anni di richieste, ci vede costretti a dover limitare le perdite economiche a cui siamo esposti in questo momento. Saremo comunque immediatamente disponibili al ripristino del servizio stesso qualora venissero risolti i problemi inerenti ai rimborsi in questione. Siamo certi della vostra comprensione per la decisione da noi presa ma non abbiamo scelta”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto sulla Cameranense, Giuliano è morto: ha donato gli organi

  • C'è l'esito dell'autopsia di Giuliano e un indagato: è il conducente del furgone

  • Investito da un'auto dopo essere uscito dal bar, è grave un uomo di 64 anni

  • Frontale tra due auto, paura per una giovane automobilista e strada chiusa

  • Il titolare ubriaco serve i clienti, il questore chiude il bar: «Ritrovo di pregiudicati»

  • Sale sull'altare completamente nuda e urla come un'indemoniata: chiesa sgomberata

Torna su
AnconaToday è in caricamento