Riace, la Cgil a difesa di Lucano: «Un modello da difendere e condividere»

«Il modello di accoglienza e di integrazione di Riace deve essere difeso e con esso il valore della dignità delle persone»

Domenico Lucano

«Un ulteriore gravissimo atto è stato adottato dal Ministro dell’Interno che, per via amministrativa, ha ordinato una vera e propria deportazione dei migranti che vivono a Riace. Dopo le vicende di Lodi e di Monfalcone, dove si stanno discriminando i bambini figli di immigrati nell’accesso alla mensa scolastica o all’asilo, ora si commette un atto disumano oltre che di dubbia legalità». Così il sindacato della Cgil dopo l'arresto del sindaco di Riace Domenico Lucano e del tasferimento di tutti i migranti in altre strutture. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La scelta del Ministero dell’Interno di trasferire i migranti ospiti dello Sprar di Riace in altre strutture è un atto scellerato e spropositato. Tale ulteriore vicenda costituisce la conferma di una deriva pericolosa ormai in atto che deve essere fermata: per questo chiediamo alle Istituzioni democratiche e alla società civile di reagire a quello che rappresenta un attacco alla cultura e ai valori della solidarietà, dell’accoglienza, dell’uguaglianza e della dignità umana. E’ stato più volte sottolineato dalla CGIL che il modello Sprar è l’unico modello sostenibile di accoglienza e che sarebbe dovuto divenire strutturale nella gestione di tutti gli arrivi. Questo punto di vista è sempre stato condiviso e sostenuto da quasi tutte le Istituzioni; per questo lanciamo un appello a tutti i parlamentari marchigiani, al Presidente della Regione, ai Sindaci delle città delle Marche, cosi come alle associazioni e ai cittadini, chiedendo di prendere pubblicamente posizione e far sentire la propria voce rispetto a una modalità inaccettabile di gestione dell’accoglienza che colpisce i più deboli e tradisce i valori della Costituzione. Il modello di accoglienza e di integrazione di Riace deve essere difeso e con esso il valore della dignità delle persone».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare, mamma e papà ricoverati: bimbo di 5 anni resta completamente solo

  • Coronavirus, facciamo chiarezza: quali sono i sintomi e come si trasmette

  • Contagi nelle Marche, trend in aumento: ad Ascoli si fanno più tamponi

  • Il Coronavirus blocca anche il paradiso: Italo, il "survivor" solitario che vive di pesca e cocco

  • Una passeggiata da 400 euro, primo pedone "fuori quartiere" multato dalla polizia

  • Aumenta la conta delle vittime, altri 57 decessi nelle Marche: è un record tristissimo

Torna su
AnconaToday è in caricamento