Taglio del nastro per la nuova piazza, musica e festa nel cuore del rione

Un bagno di folla ha salutato l’inaugurazione della nuova Piazza. Musica e istituzioni nel cuore del rione

Il taglio del nastro

Un bagno di folla ha salutato l’inaugurazione della nuova Piazza Porta Lambertina, tenutasi domenica con la partecipazione del complesso musicale Città di Senigallia e del gruppo Operapop. «Siamo stati davvero molto felici – afferma il sindaco Maurizio Mangialardi – di incontrare tanti residenti del Rione Porto che hanno voluto vivere insieme, come fa una comunità autentica, i festeggiamenti per questo importante traguardo, ovvero il completamento di un ampio progetto di rigenerazione urbana che ha letteralmente trasformato questo quartiere. Credo che il lavoro svolto qui negli ultimi dieci anni sia qualcosa destinato a durare a lungo nella memoria dei senigalliesi. Grazie all’opera di riqualificazione fortemente voluta e caparbiamente realizzata dall’Amministrazione, infatti, oggi la città oggi ha ritrovato un importante pezzo della propria identità; un risultato raggiunto attraverso la riscoperta e la valorizzazione di via Carducci e Porta Lambertina, sottratte al soffocante traffico veicolare e ai problemi di inclusione sociale, la realizzazione di raffinati spazi di incontro e socialità, come appunto la nuova piazza Lambertina, e il recupero e la restituzione alla città delle antiche mura urbiche».

«C’è poi grande soddisfazione -  aggiunge il sindaco – anche per la riqualificazione dell’ex Arena Italia, che da simbolo del degrado è oggi divenuto emblema di una politica urbanistica seria, votata al consumo zero di nuovo suolo e al recupero degli spazi pubblici e privati con interventi di grande qualità architettonica, come dimostra l’attenzione posta alla scelta dello stile del nuovo edificio, conforme a quello del centro storico e del Rione Porto. Il nostro ringraziamento va alla ditta Sema di Umberto Marcantoni e alle maestranze che con grande professionalità hanno realizzato la nuova piazza, all’architetto Alberto Bachiocchi, che ha curato la progettazione, e alla famiglia Bonvini, proprietaria dell’ex immobile».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto, il centauro lotta tra la vita e la morte: si indaga sulle cause

  • Schianto sulla Cameranense, Giuliano è morto: ha donato gli organi

  • Il supermercato Tuodì chiude dopo 18 mesi dall'apertura: «Troppa concorrenza»

  • Ragazza annegata a Marina Dorica, sigilli sulla discoteca che le aveva dato da bere

  • La colonia di gatti sta per essere distrutta, l'appello disperato: «In 80 rischiano di morire»

  • Schianto pauroso sulla Cameranense, tre i mezzi coinvolti: motociclista gravissimo

Torna su
AnconaToday è in caricamento