menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Eutanasia, l'ex sindaco di Roma Ignazio Marino fa visita a Max Fanelli

Max Fanelli, malato di SLA è bloccato totalmente nelle sue funzioni salvo che per l'occhio destro con il quale ancora scrive e comunica tramite un lettore ottico. Questa mattina l'incontro l'ex sindaco di Roma, Ignazio Marino

Ignazio Marino incontra Max Fanelli

SENIGALLIA - Questa mattina, nella casa di Massimo Fanelli e’ arrivato Ignazio Marino per sostenere la battaglia per la calendarizzazione della Legge sulla Libertà di scelta delle terapie.

Max Fanelli, malato di SLA è bloccato totalmente nelle sue funzioni salvo che per l’occhio destro con il quale ancora scrive e comunica tramite un lettore ottico. Nel mese di ottobre ha interrotto le cure per la SLA per protesta contro la mancata calendarizzazione della discussione della legge. Gli ha scritto esprimendo solidarietà il Presidente Mattarella nonché i vari esponenti dell’opinione pubblica e delle Istituzioni. Da Laura Boldrini, Stefano Rodota a Pippo Civati. 

Marino ha risposto all’invito di Milene Mucci (dell’associazione “Possibile”nonché membro della Fondazione “Antonino Caponnetto” ) ed ha rinnovato proprio davanti a Max Fanelli l’intenzione di portare avanti la giusta rivendicazione per la legge e per iniziarne la discussione finalmente anche in Italia, fanalino di coda nella presa di coscienza in Europa su questo tema . Marino ha ricordato il suo stupore, al rientro in Italia come medico, per la mancanza di una legge in materia. «Nel 2006 - racconta Marino -presentai durante il Governo Prodi un disegno di legge sul testamento biologico e sulla libertà di scelta delle cure. Raccolsi più di cento firme di senatori, allora ma non furono abbastanza. Purtroppo da allora sono passati nove anni e la legge non ha mai raggiunto l’aula del Parlamento per la discussione ed il voto. Questo dimostra l’indifferenza dei politici italiani per la vita reale delle persone che essi stessi dovrebbero rappresentare». Ignazio Marino ha dichiarato inoltre la sua vicinanza al movimento #iostoconmax per una legge sulla libertà di scelta.

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Incidenti stradali

      Incidente tra auto e scooter, motociclista vola dopo lo schianto: è in gravi condizioni

    • Cronaca

      Ladri all'istituto superiore Savoia-Benincasa, portati via contanti e computer

    • Cronaca

      Spacciano in un circolo nascondendo cocaina ed hashish nei fazzoletti: arrestati

    • Cronaca

      C'è un serpente nella libreria: scoperta choc in casa di una donna

    Torna su