Disoccupato in sciopero della fame e della sete all'Agenzia delle Entrate

Vive con 380 euro al mese, che racimola affitando stanze della sua casa a studenti. Ora lo Stato gli ha chiesto 1.116 euro: "Così io non campo. Questa è la legge ma per me è ingiusta e contro la dignità individuale"

Corrado Ambrosi (Stefano Pagliarini via Facebook)

Guadagna 380 euro al mese e lo Stato gliene chiede 100. Non riesce a vivere in questo modo e da oggi è in sciopero della fame e della sete davanti alla sede dell’Agenzia delle Entrate. 

Corrado Amborsi, 40 anni di Ancona, è disoccupato e guadagna ogni anno 4.560 euro affitando agli studenti alcune stanze della sua casa. Ora lo Stato gli chiede 1.116 euro di imposte (reddito 2013). Per lui è ingiusto e umiliante. Non ce la fa ad andare avanti così. Per questo da martedì mattina è in sciopero della sete e della fame, davanti alla sede provinciale dell’Agenzia delle Entrate di via Palestro. «Mi chiedono il 25% ma io così non campo - ha detto il 40enne - Questa è la legge ma per me è ingiusta e contro la dignità individuale. Per questo io non la rispetto. Mi hanno spiegato che se sono redditi da capitale vengono tassati al 25%, mentre se fossero stati reddito da lavoro sarei rientrato nella fascia esentasse. Mi chiedono il 25% ed è tutto regolare lo so, non ci sono errori ma per me è un’assurdità».

I FATTI. Erano le 11 circa del mattino quando l’uomo è entrato nella sede di Ancona Entrate di via Palestro, pochi metri prima di piazza Pertini. Il 40enne si è recato in un ufficio dal quale poi è uscito con una faccia sconsolata. A quel punto ha sbattuto le cartelline e i documenti per terra e lì si è seduto a petto nudo. E non ha intenzione di andare via. «Finchè non risolveranno la mia situazione non mangerò e non berrò più. Mi devono portare vie con la forza» ha ribadito Corrado, che comunque non ha intenzione di commettere gesti inconsulti e vuole solo mettere in atto una protesta civile e non violenta. Ma a cosa potrebbe servire visto che c’è solo una legge da applicare? E in un certo senso lui vorrebbe anche essere di esempio per i cittadini quando dice che: «Gli italiani sono un po’ addormentati e magari questo mio gesto potrà essere utile» ha detto Corrado. In mattinata sono arrivati i carabinieri che hanno provato a dissuadere l’uomo dal proseguire la sua manifestazione ma non c’è stato verso.

LE REAZIONI. A parlare è il direttore provinciale dell’AE Gabriele Chiaccheretta, che ha detto: «Purtroppo il suo problema non riguarda l’Agenzia delle Entrate, perché è una dichiarazione dei redditi con l’imposta che ha regolarmente calcolato il commercialista. Forse è ingiusto ma non è né più né meno che la legge. Io mi auguro che desista dal suo sciopero perché potrebbe essere deleterio per lui».

Potrebbe interessarti

  • La pausa ideale, dove gustare i migliori 10 caffè di Ancona

  • Scarafaggi in casa, la disinfestazione può aspettare: come liberarsene da soli

  • Estate 2019, tutte le informazioni per la vacanza perfetta a Portonovo

  • “Farai la fine del ca’ de Luzi”, il detto anconetano tra leggenda e verità

I più letti della settimana

  • Un caso di febbre Dengue ad Ancona, è allerta: scatta il piano di prevenzione

  • Terribile schianto in A14, traffico bloccato: un ferito in gravissime condizioni

  • Inferno in A14, colpa del cambio di carreggiata: 27enne in gravissime condizioni

  • Carambola da paura nella notte: 7 i coinvolti, due feriti gravi

  • Sms di addio agli amici, poi esce di casa per buttarsi dal Passetto: salvato dai carabinieri

  • Violento frontale al Vallone, donna gravissima: automobilista ubriaco fugge per campi

Torna su
AnconaToday è in caricamento