L'azienda annuncia 833 licenziamenti, a rischio il lavoro ad Ancona: è sciopero

La Fiom chiede il ritiro degli esuberi

I lavoratori in sciopero

Anche ad Ancona, oggi sciopero e sit-in dei lavoratori della Sirti contro gli 833 licenziamenti (su un totale di 3.692 dipendenti) annunciati dall’azienda in tutta Italia. Il presidio è tuttora in corso davanti allo stabilimento, in via Edison ad Ancona (zona Baraccola). Lo sciopero del gruppo riguarda tutta Italia e la Fiom chiede il ritiro degli esuberi. L’azienda metalmeccanica si occupa di installazioni di impianti telefonici.

Ad Ancona, si contano 40 dipendenti, gli esuberi quantificati per l’area del Nord Est, che include anche le Marche, sono 93. I licenziamenti sono stati decisi dall’azienda per il calo di commesse e per il ricorso costante al massimo ribasso delle aste, che comporta il continuo affidamento ai subappalti a scapito dei lavoratori del gruppo. L’adesione allo sciopero è stata totale. Domani ci saranno altre due ore di sciopero con la sospensione di tutte le prestazioni straordinarie, delle flessibilità, delle reperibilità e dei tempi di viaggio. Per sostenere la vertenza, la Fiom Cgil di Ancona organizzerà altre iniziative nei prossimi giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Macabra scoperta al cimitero, neonato mummificato trovato sopra una bara

  • Si fingono clienti, ma sono poliziotti: la squillo prende il cellulare e lo ingoia

  • Malore durante una partita di tennis, rianimato sul posto: è gravissimo

  • Tragedia al cantiere, muore un operaio

  • Imprenditoria in lutto, un malore in bici gli è stato fatale: addio a Sandro Paradisi

  • Scompare dopo la visita dal dentista, una task force per cercarlo

Torna su
AnconaToday è in caricamento