Schiuma nelle acque del porto, ecco di cosa si tratta

L’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale delle Marche (ARPAM) ha svolto delle analisi dei campionamenti

Dopo la scoperta lo scorso 10 maggio della presenza, nel porto di Ancona, di materiale schiumogeno, inodore e di colore bianco, generato presumibilmente dal moto ondoso creato dalle manovre delle navi in ingresso/uscita, la Guardia Costiera ha confermato che l’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale delle Marche (ARPAM) ha svolto delle analisi dei campionamenti dove è emerso che il fenomeno schiumogeno è stato generato dalla presenza di una “massiccia fiuritura algale monospecifica dovuta alla BACILLARIOFICEA non tossica CHAETOCEROS SOCIALIS”, la quale inglobando particelle di gas naturale contribuisce al conferimento dell’aspetto schiumoso dell’acqua.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli uomini della Guardia Costiera di Ancona, proseguiranno il monitoraggio dell’evento in conformità a quanto conferito al Corpo dal Decreto Legislativo 152/2006 - “Testo Unico Ambientale”, a garanzia dell’ambiente e dell’intero ecosistema marino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un colpo mortale a Fiorella e 4 fendenti al marito: il killer aveva già provato ad entrare

  • Parcheggia lo scooter e si lancia sotto il treno: tragedia sui binari

  • Choc in spiaggia, prende a pugni una donna e scappa: nella fuga perde i documenti

  • Il killer della porta accanto piantonato in ospedale, aggredì anche un uomo a sprangate

  • Schianto sulla strada per Portonovo, auto contro scooter: grave una donna

  • Crisi respiratoria, portata all'ospedale in elicottero: ragazza in gravissime condizioni

Torna su
AnconaToday è in caricamento