Vivevano tra i loro escrementi, blitz nella casa lager: cani e gatti salvati dalla Forestale

Denunciata la proprietaria degli animali per detenzione illegale e maltrattamento

Nei giorni scorsi, i Carabinieri Forestali delle Stazioni di Sassoferrato, Fabriano ed Arcevia hanno eseguito una perquisizione in un’abitazione privata a Sassoferrato, dove risultavano detenuti numerosi animali da compagnia.

Ad insospettire gli inquirenti, le numerose morti denunciate dalla detentrice, in un breve lasso di tempo oltre all’ingente numero di cani e gatti di cui risultava proprietaria dall’anagrafe canina. Inoltre dagli appostamenti eseguiti dai militari era stata accertata la presenza di numerosi animali nel giardino dell’abitazione. Non appena intervenuti i militari hanno trovato condizioni igieniche intollerabili: i gatti erano detenuti in gabbie strette, umide e buie, mentre i cani erano invasi dalle pulci ed erano costretti a bere acqua stagnante da settimane e piena di alghe. L’area di detenzione d i box erano completamente invasi dagli escrementi. Identificati tutti gli animali, grazie anche all’utile ausilio di due guardie zoofile di Legambiente, la maggioranza dei cani risultava sprovvista del microchip e pertanto non iscritta all’anagrafe canina. Alcuni cani erano affetti da evidenti dermatiti, scaturite con ogni probabilità dalle numerose pulci che invadevano il mantello degli animali.

Tre cuccioli appena nati, privi di cure e di riparo, sono stati inoltre rinvenuti in un canneto nel giardino dell’abitazione. Sequestrati tutti i 45 animali, i quali sono stati sin da subito sottoposti alle cure del personale del Servizio Veterinario, che eseguirà i necessari trattamenti medici e le sterilizzazioni. La responsabile, che è stata denunciata per detenzione degli animali in condizioni incompatibili con la loro natura e cagionevole di gravi sofferenze, rischia le pene previste dall’articolo 727 del Codice penale, che prevedono ammende da 1000 a 10.000 euro o un anno di arresto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto, il centauro lotta tra la vita e la morte: si indaga sulle cause

  • Schianto sulla Cameranense, Giuliano è morto: ha donato gli organi

  • Schianto pauroso sulla Cameranense, tre i mezzi coinvolti: motociclista gravissimo

  • Investito da un'auto dopo essere uscito dal bar, è grave un uomo di 64 anni

  • Frontale tra due auto, paura per una giovane automobilista e strada chiusa

  • Malore alla guida in A14, poi l'incidente: 48enne ricoverato in gravi condizioni

Torna su
AnconaToday è in caricamento