Italia Nostra: "Al Passetto affiorano 'colonne romane'... dei grottaroli"

"Dopo il forno neolitico recentemente scoperto a Portonovo si registra un nuovo importante 'ritrovamento archeologico' al Passetto di Ancona..."

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

"Dopo il forno neolitico recentemente scoperto a Portonovo si registra un nuovo importante ritrovamento archeologico al Passetto di Ancona.
Grazie alle mareggiate di questo inverno sono comparse dal mare, davanti alle grotte del Passetto, tre colonne di indubbio interesse storico archeologico (vedere foto allegata).
Gli studiosi dell’università stanno cercando di appurare i fenomeni di bradisismo che hanno provocato la probabile elevazione dal fondo marino delle tre colonne che sembrano di tipologia prettamente “dorica” (e come sarebbe potuto essere altrimenti in Ancona?).
Gli esperti sono stati mobilitati per stabilire l’età precisa delle tre colonne mediante prelievi del carbonio presente nel materiale, di color grigio, di fattura estremamente regolare che sembra comporre la loro struttura molecolare.

Gli studiosi di archeologia stanno cercando di capire se esse costituivano la base di un tempio a Poseidone o più probabilmente al dio Nettuno la cui raffigurazione è stata ritrovata negli antri rupestri delle numerose grotte presenti al Passetto, alcune di origine addirittura picene!
Esistono anche posizioni, per la verità minoritarie tra gli esperti, che pensano ad una traslazione delle colonne della antica chiesa  di San Clemente presente sullo scoglio omonimo, davanti ai cantieri navali di Ancona, avvenuta grazie alle correnti marine da nord.

Italia Nostra stigmatizza il comportamento delle autorità che, lungi dal diffondere la notizia di questo eccezionale ritrovamento che, a nostro parere, va segnalato anche all’UNESCO, hanno finora preferito mantenere il più stretto riserbo su questa eccezionale scoperta.
A quando un po’ di democratica partecipazione dell’opinione pubblica a questi sensazionali ritrovamenti che, da soli, potrebbero rimettere in moto l’economia e il turismo della città?
P.S. A meno che qualcuno non pensi che le tre colonne non siano di fattura estremamente recente, in cemento armato, realizzate da qualche grottarolo?"

Italia Nostra sezione di Ancona

Torna su
AnconaToday è in caricamento