Non c'è pace per il ristorante più chic della città: Il Passetto spegne di nuovo le luci

E' durata poco più di un anno l'avventura della società che aveva rilevato la gestione e inaugurato lo storico locale nel novembre 2018

Foto di repertorio

Non c’è pace per il ristorante Il Passetto: chiude di nuovo i battenti, a distanza di appena 14 mesi dall’inaugurazione da parte della società Alba, che ne aveva rilevato la gestione dalla famiglia Virgili, a sua volta proprietaria dell’immobile dal 2011. 

A riportarlo è il Corriere Adriatico che cita una Pec ricevuta da Gabriele Virgili, ieri mattina, dagli ormai ex gestori che hanno deciso di fare l’inatteso passo indietro. Dunque, per la seconda volta nell’arco di tre anni il rinomato ristorante vive uno nuovo, brusco stop, a dispetto di una location spettacolare che farebbe gola a qualunque imprenditore nel campo della ristorazione. 

Nel giugno 2016, tramontata la gestione quadriennale della famiglia Virgili, era stata la famiglia Carluccio a riaprire il locale in grande stile: una notizia attesa da tutta la città e dagli amanti del Passetto. L’esperienza, però, è durata pochissimo, fino al dicembre 2017. Quindi i Virgili hanno avviato le ricerche per un nuovo gestore. La scelta è ricaduta sulla società Alba: sono passati appena 14 mesi tra l'inaugurazione del 26 novembre 2018 e la mail con cui, ieri, è stata annunciata la volontà di gettare la spugna. E così al Passetto si spengono di nuovo le luci. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane si toglie la vita lanciandosi contro un treno, disagi sulla tratta ferroviaria

  • Terribile frontale, nuovo bollettino: «Il bambino è ancora in condizioni critiche»

  • Malore a Folgarida, il virus potrebbe essere stato portato dagli studenti anconetani

  • Un male incurabile le ha spento il sorriso, la città piange Carla Fraboni

  • Perde il controllo, finisce fuori strada, si ribalta e resta in bilico sul muretto

  • Assiste all'esordio del figlio con l'Ascoli e poi si ricovera, la tenera lettera in ricordo di Roberto

Torna su
AnconaToday è in caricamento