Scoppia la lite in strada, rissa familiare: in quattro finiscono in ospedale

Calci e pugni sono volati a causa di un diverbio familiare. La rissa è avvenuta davanti a numerosi presenti e un 18 enne ha riportato una ferita alla testa

foto di repertorio

Un bengalese frequenta una ragazza, ma quell’amore è malvisto dalla famiglia di lui e il dissapore finisce in una rissa in strada. Corso Carlo Alberto, ore 19 circa. Un uomo incontra il cognato davanti alla chiesa dei Salesiani e nasce l’ennesimo diverbio. Motivo del contendere: l’amore che il cognato prova per una ragazza che l'intera famiglia non vede di buon occhio. L’ostilità verbale ben presto si trasforma in un incontro di wrestling a quattro. I due infatti, dopo le prime parole grosse, sono arrivati a scambiarsi calci e pugni. Alla rissa si sono presto aggiunti il fratello di uno e l’amico dell’altro.

Gli uomini coinvolti nella vicenda sono tutti di origine bengalese. Ad avere la peggio è stato un 18enne che ha riportato un trauma cranico oltre a una piccola ferita sulla testa forse provocata da un anello. Gli operatori della Croce Rossa lo hanno portato al pronto soccorso di Torrette insieme all’amico 37enne. Le loro condizioni non sono gravi. Gli altri due sono stati portati dai volontari della Croce Gialla al pronto soccorso di Osimo. Ospedali distinti, in modo da evitare eventuali altri contatti tra le parti.

Sul posto sono intervenute le pattuglie della squadra volanti. Non è chiaro se nella rissa sono stati usati bastoni, non rinvenuti comunque dai poliziotti. La rissa è avvenuta davanti agli occhi di numerosi passanti. Le urla prima e le botte poi hanno richiamato l’attenzione dei presenti. Nessuno dei coinvolti al momento ha sporto denuncia per lesioni.  

Potrebbe interessarti

  • «Sai come se dice in Ancona?» I proverbi top del capoluogo marchigiano

  • La 5°B si ritrova 40 anni dopo la maturità: gita, ricordi e serate mondane

  • Formiche in casa? Prova con l'aglio: i rimedi naturali per allontanarle

  • Spiagge last minute a prezzi stracciati: basta un click con la startup anconetana

I più letti della settimana

  • Cellulare in bagno per copiare la versione, espulso dall'esame di maturità

  • L'invito a cena è una trappola: sequestrata in casa e stuprata

  • In porto c'è l'Andrea Doria, il caccia della Marina aperto al pubblico per le visite a bordo

  • La vacanza finisce in tragedia: giovane papà muore schiacciato da un quad

  • Chiedevano 70 euro a prestazione, scoperta la casa squillo sulla Flaminia

  • Scontro tra due auto e uno scooter, c’è un ferito e traffico paralizzato

Torna su
AnconaToday è in caricamento