Senigallia: i rifiuti dell’alluvione abbandonati dietro ad una scuola

I Carabinieri hanno individuato una discarica abusiva nei pressi della Scuola Media "Nori dè Nobili", a Trecastelli. I rifiuti sarebbero stati depositati dagli operatori del Comune che hanno eseguito i lavori per liberare le strade in località Ponte Rio

I Carabinieri hanno individuato un sito di stoccaggio illecito di rifiuti nei pressi della Scuola Media “Nori dè Nobili”, a Trecastelli. I militari della Stazione di Trecastelli, assieme ai colleghi del N.O.E. di Ancona ed a personale dell’ARPAM, hanno eseguito un sopralluogo congiunto nell’area di parcheggio alle spalle dell’Istituto Comprensivo di via Don Orione, dove nei giorni scorsi era stata segnalata la presenza di un accumulo di rifiuti.

I Carabinieri hanno constatato che nell’area in questione, delimitata da nastro bianco e rosso, di proprietà del Comune ed in parte in un terreno sottostante, erano presenti cumuli di rifiuti costituiti nella maggior parte da terriccio di colore scuro e ghiaia. Dai cumuli fuoriusciva anche materiale plastico e ferroso di vario genere.

Dai primi accertamenti i rifiuti in questione, assimilabili a “rifiuto urbano non pericoloso” sarebbero stati depositati nel sito dagli stessi operatori del comune che hanno eseguito i lavori per liberare le strade in località Ponte Rio di Trecastelli dai detriti fuoriusciti dalla rete fognaria a seguito degli eventi alluvionali di maggio.

Al Comune è stato prescritto di adottare nel più breve tempo possibile ogni misura idonea alla bonifica del sito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sale sull'altare completamente nuda e urla come un'indemoniata: chiesa sgomberata

  • Entra in negozio e stacca il dito del titolare a morsi, poi scappa e viene arrestato

  • C'è l'esito dell'autopsia di Giuliano e un indagato: è il conducente del furgone

  • Investito da un'auto dopo essere uscito dal bar, è grave un uomo di 64 anni

  • Frontale tra due auto, paura per una giovane automobilista e strada chiusa

  • Si prostituiscono in casa, gli agenti si fingono clienti e le scoprono: donne nei guai

Torna su
AnconaToday è in caricamento