Madre e figlia minacciate sul bus con un coltello, fermato il pericoloso rapinatore

Le indagini della Squadra Mobile hanno permesso di risalire dopo 10 giorni a un 59enne, ora trattenuto a Montacuto in attesa della convalida del gip

foto d'archivio

E’ salito con loro sull’autobus, le ha avvicinate, le ha sorprese alle spalle. Ha estratto un coltello e gliel’ha puntato contro. Con la minaccia dell’arma, senza che nessuno si accorgesse di nulla, è riuscito a farsi consegnare una borsa con dentro soldi e documenti da una giovane mamma che viaggiava insieme alla bimba di due anni. Poi è sceso alla prima fermata utile ed è scappato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma dopo dieci giorni di indagini serrate, la polizia è riuscita a individuare il probabile autore della rapina da brividi avvenuta il 28 agosto scorso a bordo della linea 1/4, mentre il bus transitava in via Marconi: è un 59enne nordafricano, sottoposto a fermo con l’accusa di rapina aggravata e ora a Montacuto in attesa dell’udienza di convalida del gip. Il malvivente è stato rintracciato al Piano nella giornata di sabato dai poliziotti della Squadra Mobile, coordinati dalla Procura e guidati dal vice questore Carlo Pinto: le indagini sono ancora in corso e gli investigatori mantengono il più stretto riserbo. Si sa solo che madre e figlia, minacciate alle spalle con un coltello, non hanno avuto bisogno di ricorrere alle cure del 118, ma l’esperienza è stata scioccante. Gli altri passeggeri non sono potuti intervenire in loro aiuto perché, stando alle informazioni trapelate, sul bus nessuno si è accorto di nulla e la vittima, minacciata dall’arma e terrorizzata, non ha potuto neppure urlare, temendo accadesse qualcosa di brutto alla sua bambina. La descrizione fornita dalla donna è stata fondamentale per risalire al pericoloso malvivente, anche senza l’aiuto delle telecamere di cui il mezzo pubblico non era dotato. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Ancona usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Crisi respiratoria fatale, addio Alessia: muore a 22 anni dopo 8 giorni di agonia

  • Pauroso incidente tra 4 auto, 2 finiscono in un campo: ci sono dei feriti

  • Positivo al Coronavirus con tosse e febbre, fermato in stazione: è passato per Ancona

  • Assunzioni al Comune di Ancona, 22 posti a concorso: domande dal 10 luglio

  • Addio Matteo, fortissimo guerriero: in lacrime per il giovane consulente

  • «Aiuto, lasciami, non mi toccare», le ultime parole di Fiorella prima del colpo mortale

Torna su
AnconaToday è in caricamento