giovedì, 23 ottobre 10℃

Prostituzione: arrestato a Senigallia “protettore” milanese

Arrestato pregiudicato che operava in zona Ciarnin, identificate anche le due ragazze da lui sfruttate. Inoltre i carabinieri hanno ritrovato i quattro fucili da caccia sottratti a Castellone di Suasa la scorsa settimana

Redazione 19 novembre 2012

Dispositivo straordinario di sicurezza quello attuato dai carabinieri della compagnia di Senigallia durante il fine settimana, con 27 militari e 13 autovetture impiegate nel territorio, che ha permesso di identificare e controllare 71 persone, censire il traffico di 28 pregiudicati e di controllare 15 persone agli arresti domiciliari.

Nel corso dei controlli dedicati al monitoraggio e alla repressione del fenomeno della prostituzione i militari hanno “tirato le fila” di un’indagine che si protraeva da tempo e hanno messo le manette ai polsi con l’accusa di sfruttamento della prostituzione E. G., , nato in provincia di Milano e residente a Senigallia, classe 1957, pregiudicato. L’uomo è stato colto in flagranza di reato mentre stava trasportando due ragazze al suo servizio in località Ciarnin, dove queste esercitavano l’attività di prostituzione e dove E. G. era solito trattenersi per monitorare la situazione accertandosi dei guadagni.

L’arresto dell’uomo è stato convalidato dal tribunale di Ancona, che ha sancito l’obbligo di dimora, e anche le due prostitute – già note alle forze dell’ordine – sono state identificate.

Nel corso dell’attività degli uomini dell’arma sono stati anche rinvenuti, nell’area archeologica di Ostra Vetere, i quattro fucili da caccia rubati lo scorso 14 novembre in un’abitazione privata a Castellone di Suasa, sottraendoli dunque al mercato illegale delle armi.
 

Annuncio promozionale

Senigallia
prostituzione

Commenti