Si prostituiscono in casa, gli agenti si fingono clienti e le scoprono: donne nei guai

Scoperte due case chiuse ad Ancona. Dentro c'erano tre donne, che accoglievano i rispettivi clienti all'interno dei loro appartamenti

foto di repertorio

I poliziotti della Squadra Mobile della Questura di Ancona, hanno scoperto due appartamenti di Ancona adibiti a casa di prostituzione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli investigatori dorici, fingendosi clienti, hanno individuato un appartamento del quartiere Grazie abitato da una 50enne di origini orientali. Il giorno successivo (ieri), sono entrati in un altro appartamento sempre della zona, dove hanno identificato due giovani donne sudamericane che si prostituivano in casa. Nel primo caso si è trattato di una donna di origini orientali, non regolare in Italia, la quale è stata allontanata dal territorio con provvedimento dell’Ufficio Immigrazione della Questura. Nel secondo caso le due sudamericane hanno dimostrato di trovarsi in Italia in regola con la normativa sull’immigrazione. Sono in corso accertamenti per gli ulteriori provvedimenti da adottare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare, mamma e papà ricoverati: bimbo di 5 anni resta completamente solo

  • Coronavirus, facciamo chiarezza: quali sono i sintomi e come si trasmette

  • Contagi nelle Marche, trend in aumento: ad Ascoli si fanno più tamponi

  • Il Coronavirus blocca anche il paradiso: Italo, il "survivor" solitario che vive di pesca e cocco

  • Una passeggiata da 400 euro, primo pedone "fuori quartiere" multato dalla polizia

  • Il rubinetto diventa flussimetro per respiratori, l'invenzione dei cardiologi in un tutorial

Torna su
AnconaToday è in caricamento