Porto, dal gennaio 2020 obbligatoria l'autorizzazione telematica per circolare

Un sistema informatizzato che viene realizzato nella piena collaborazione con le forze dell’ordine e le istituzioni che operano in ambito portuale

Foto di repertorio

Prosegue il percorso di informatizzazione e digitalizzazione degli scali di competenza dell’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico centrale. Dal 1 gennaio 2020, secondo un’ordinanza del presidente Rodolfo Giampieri, i veicoli con trasporti eccezionali, con o senza carico a bordo, potranno accedere e circolare nelle aree portuali di Ancona e Ortona solo dopo aver ottenuto l’autorizzazione telematica al transito che sostituirà quella cartacea, che sarà valida fino al 31 dicembre 2019.

Un’innovazione che completa il quadro di informatizzazione per il rilascio delle autorizzazioni digitali per l’acceso e il transito dei mezzi e che consente il controllo puntuale sulla circolazione in porto, in totale sicurezza e con velocità e precisione di esecuzione. Un sistema informatizzato che viene realizzato nella piena collaborazione con le forze dell’ordine e le istituzioni che operano in ambito portuale, Capitaneria di porto, Guardia di finanza, Polizia di Stato e Agenzia dei Monopoli e delle Dogane.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto, il centauro lotta tra la vita e la morte: si indaga sulle cause

  • Schianto sulla Cameranense, Giuliano è morto: ha donato gli organi

  • Schianto pauroso sulla Cameranense, tre i mezzi coinvolti: motociclista gravissimo

  • Investito da un'auto dopo essere uscito dal bar, è grave un uomo di 64 anni

  • Frontale tra due auto, paura per una giovane automobilista e strada chiusa

  • Malore alla guida in A14, poi l'incidente: 48enne ricoverato in gravi condizioni

Torna su
AnconaToday è in caricamento