Moria di polli in zona industriale, decessi per asfissia: scatta la segnalazione all'Asur

Da quanto è stato possibile ricostruire si è trattato di inconveniente meccanico occasionale dell’impianto di areazione

foto di repertorio

FALCONARA - E’ stata una moria di polli in uno stabilimento della zona industriale, fenomeno dovuto a un guasto del sistema di areazione che ha comportato il decesso per asfissia, a provocare l’emissione di cattivi odori segnalati dai cittadini nella zona circostante.

E’ quanto hanno accertato gli agenti della polizia locale di Falconara, arrivati allo stabilimento attorno alle 10 di oggi, mercoledì 12 giugno. Gli operatori del Comando falconarese sono intervenuti quando già il personale dell’azienda stava trasferendo le carcasse a bordo di un mezzo per lo smaltimento. Gli stessi agenti hanno subito contattato il servizio veterinario dell’Asur, cui l’azienda dovrà inviare la documentazione inerente le modalità di smaltimento delle carcasse, la corretta gestione delle procedure e il rapporto di un veterinario incaricato, che certifichi le cause della morte del pollame. Da quanto è stato possibile ricostruire si è trattato di inconveniente meccanico occasionale dell’impianto di areazione, che nei controlli precedenti, avvenuti nei giorni scorsi, era risultato regolarmente funzionante. Non ci sarebbero dunque epidemie, né altri motivi sanitari all’origine del fenomeno. L’Asur ha assicurato che le esalazioni avvertite non rappresentano un pericolo per la popolazione.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sale sull'altare completamente nuda e urla come un'indemoniata: chiesa sgomberata

  • Entra in negozio e stacca il dito del titolare a morsi, poi scappa e viene arrestato

  • C'è l'esito dell'autopsia di Giuliano e un indagato: è il conducente del furgone

  • Investito da un'auto dopo essere uscito dal bar, è grave un uomo di 64 anni

  • Frontale tra due auto, paura per una giovane automobilista e strada chiusa

  • Si prostituiscono in casa, gli agenti si fingono clienti e le scoprono: donne nei guai

Torna su
AnconaToday è in caricamento