Arte, le Pietre d'inciampo di Demnig collocate per la prima volta nelle Marche

Le famose installazioni dell'artista tedesco Gunter Demnig verranno collocate ad Ancona e Ostra Vetere. Previsto un incontro con il Presidente dell'Assemblea legislativa, Antonio Mastrovincenzo

Il lungo itinerario che porterà, per dieci, intensi, giorni, l’artista tedesco Gunter Demnig in giro per l’Italia, avrà come prima tappa le Marche e, nello specifico, Ancona (alle ore 17) e, a seguire, Ostra Vetere. Nella giornata di domani, giovedì 12 gennaio, in queste località, Demnig collocherà tre “Pietre d’Inciampo” (due ad Ancona, precisamente in via Saffi ed in Corso Amendola, all’altezza del civico 51, l’altra a Ostra Vetere, in via Mazzini), le installazioni che lo hanno reso celebre nel mondo, soprattutto per il loro grande valore simbolico, cioè quello di affermare la memoria diffusa relativa alla deportazione e allo sterminio di milioni di cittadini da parte delle forze nazifasciste.

Sono una ventina i Paesi europei che ospitano queste installazioni (ad inizio dello scorso anno se ne contavano complessivamente 56mila, la prima fu collocata a Colonia nel 1995), tutte collocate in prossimità dei luoghi ove avvenne la cattura o l’uccisione di una persona ad opera dei nazifascisti. Le “Pietre” di Demnig sono di piccola dimensione (10x10 cm) e riportano tutte l’incisione del nome della vittima e la data di nascita e di morte della stessa, in molti casi anche il luogo della deportazione. In Italia, la prima posa avvenne nel 2010 a Roma e numerose furono, subito dopo, le città capoluogo ad aderire all’iniziativa. Nelle Marche si tratta della prima volta in assoluto della installazione di queste stolpersteine che, dopo la posa ad opera dell’artista, verranno definitivamente svelate il 27 gennaio, Giorno della Memoria, alla presenza delle autorità civiche e di una rappresentanza delle scuole.

Nella mattinata di venerdì 13 gennaio, prima di ripartire alla volta di Grosseto, l’artista verrà ricevuto dal Presidente dell’Assemblea legislativa delle Marche, Antonio Mastrovincenzo. Anche questa iniziativa fa parte del programma del Consiglio regionale delle Marche per la ricorrenza del Giorno della Memoria. (l.b.)
 
 
 
         
 

 

Potrebbe interessarti

  • L’extra lusso fa tappa ad Ancona, in porto c'è il "Pelorus": è l'ex yacht di Abramovich

  • "Viagra naturale" e fonte di vitamine, ma il peperoncino può anche far male

  • Quando il freddo rovina il gusto: i cibi da tenere fuori dalla portata...del frigo

  • Via la puzza dai bidoni della spazzatura, prova con l'aceto: tutti i rimedi naturali

I più letti della settimana

  • Perde il controllo dello scooter, poi lo scontro con l'auto: è morto

  • L’extra lusso fa tappa ad Ancona, in porto c'è il "Pelorus": è l'ex yacht di Abramovich

  • Cade dal tetto della sua azienda, Claudio ha lottato ma non ce l'ha fatta

  • Panico in città, crolla un solaio: soccorsi al lavoro per cercare persone sotto le macerie

  • Incrocio maledetto, il furgoncino la centra mentre passeggia: ragazza in ospedale

  • Risse tra bande e rapine, il locale deve chiudere: stavolta è uno chalet balneare

Torna su
AnconaToday è in caricamento