Massacra di botte la compagna e le ruba il cellulare, arrestato

Completamente ubriaco, ha massacrato di botte la sua compagna all'interno delle mura domestiche, poi le ha sottratto il cellulare. Il fatto è accaduto ieri in pieno centro ad Ancona

Completamente ubriaco, ha massacrato di botte la sua compagna all'interno delle mura domestiche, poi le ha sottratto il cellulare. Il fatto è accaduto ieri in pieno centro ad Ancona, ma i carabinieri del Poggio, in collaborazione con i colleghi della Marina Militare hanno trovato e arrestato il responsabile di questo orribile crimine: si tratta di D. Z., operaio 23enne pregiudicato e cittadino rumeno, connazionale della donna pestata senza pietà.

L'uomo è stato rintracciato dai carabinieri in via Cardeto intorno alle 22.00 di ieri. L’arresto  è stato già convalidato nella tarda mattinata di oggi ed il giovane si trova rinchiuso nel carcere di Montacuto in regime di custodia cautelare in carcere. La donna, vittima di ripetuti soprusi e violenze, è stata accompagnata presso l’ospedale di Torrette, dove si trova in prognosi riservata, a seguito delle lesioni patite.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Macabra scoperta al cimitero, neonato mummificato trovato sopra una bara

  • Si fingono clienti, ma sono poliziotti: la squillo prende il cellulare e lo ingoia

  • L'auto sbanda e si ribalta, paura per madre e figlia: entrambe all'ospedale

  • Tragedia al cantiere, muore un operaio

  • Imprenditoria in lutto, un malore in bici gli è stato fatale: addio a Sandro Paradisi

  • Scompare dopo la visita dal dentista, una task force per cercarlo

Torna su
AnconaToday è in caricamento