Blitz nei Centri sociali: sequestrati caschi, mazze e fumogeni

L'operazione era scattata ieri in tutto il territorio marchigiano, dopo le devastazioni di Roma in occasione del corteo degli indignati. L'avvocato Cognini: "Non siamo noi a violare i movimenti"

Documenti ritenuti ''interessanti'' sono stati sequestrati dagli agenti della Digos di Ancona nelle abitazioni di sei-sette esponenti dell'area antagonista, perquisite dopo gli scontri di sabato a Roma: alcuni caschi e mazze, una quindicina di fumogeni, foulard.

Sei appartengono ai Centri sociali autogestiti della provincia. Il loro legale, l'avv. Paolo Cognini, afferma che non sono emersi elementi ''in grado di supportare eventuali ipotesi accusatorie: non siamo noi a violare i movimenti''.

Perquisizioni e controlli a tappeto si sono succeduti in tutto il territorio marchigiano, nell'ambito dell'operazione scattata dopo i disordini di sabato a Roma durante la manifestazione degli "indignados".



 

Potrebbe interessarti

  • «Sai come se dice in Ancona?» I proverbi top del capoluogo marchigiano

  • La 5°B si ritrova 40 anni dopo la maturità: gita, ricordi e serate mondane

  • Quando il proverbio nasce in corsia: «Qua non ce salva manco Bombi!»

  • Formiche in casa? Prova con l'aglio: i rimedi naturali per allontanarle

I più letti della settimana

  • Cellulare in bagno per copiare la versione, espulso dall'esame di maturità

  • La vacanza finisce in tragedia: giovane papà muore schiacciato da un quad

  • L'invito a cena è una trappola: sequestrata in casa e stuprata

  • In porto c'è l'Andrea Doria, il caccia della Marina aperto al pubblico per le visite a bordo

  • Chiedevano 70 euro a prestazione, scoperta la casa squillo sulla Flaminia

  • Scontro tra due auto e uno scooter, c’è un ferito e traffico paralizzato

Torna su
AnconaToday è in caricamento