Tradizioni da leccarsi i baffi, Slow Food premia le Osterie: dove andare nelle Marche

Il chilometro zero, l'esaltazione di un territorio da raccontare attraverso i piatti: i requisiti per conquistare la Chiocciola nella seguitissima guida

L'identità territoriale nel menu e nel piatto. Una cucina che esalta i prodotti a chilometro zero ma senza rinunciare all'innovazione. E senza spendere un patrimonio. Slow Food ha lanciato questa mattina al Salone del Gusto di Torino la guida alle Osterie d'Italia 2019 e tra le 279 Chiocciole assegnate quest'anno si confermano gli otto locali marchigiani che già si erano fregiati di questo titolo lo scorso anno. «Una guida dall’identità sempre più forte - scrivono da Slow Food - dove a essere protagonisti sono le vere osterie di un tempo e moderne. Luoghi dove non solo si mangia bene ma si sta bene. Luoghi popolari dove le grandi materie prime del territorio sono proposte in piatti che guardano a tradizioni antiche a un prezzo accessibile a tutti. Luoghi fatti innanzitutto di persone e di storie». Delle 8 Chiocciole marchigiane, ben 3 sono della Provincia di Ancona. Andiamo a vedere chi sono.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia fuori dalla galleria, pedone investito ed ucciso

  • Si fingono clienti, ma sono poliziotti: la squillo prende il cellulare e lo ingoia

  • Andava al circolo dagli amici, un furgone l'ha travolto: Gianni è morto così

  • L'auto sbanda e si ribalta, paura per madre e figlia: entrambe all'ospedale

  • Imprenditoria in lutto, un malore in bici gli è stato fatale: addio a Sandro Paradisi

  • Cocaina trovata dentro l'affettatrice, arrivano i sigilli: chiuso il bar della Baraccola

Torna su
AnconaToday è in caricamento