Osimo, coca spedita nelle confezioni di pane e mozzarella: 5 arresti

Smantellata dai carabinieri una rete tra Caserta e la provincia anconetana, dove un ex esponente dei casalesi riceveva i pacchi e allestiva lo spaccio: cinque gli arresti

Inviava a Osimo cocaina dentro alle confezioni di pane e mozzarella. Così un ristoratore di Trentola Ducenta (CE) aveva costruito una rete tra Caserta e Ancona, dove un esponente del clan dei Casalesi, ora collaboratore di giustizia, aveva organizzato in casa una centrale per lo spaccio.

A scoprire lo smercio sono stati i militari del Nucleo Investigativo di Caserta, al termine di investigazioni che si sono avvalse della collaborazione dello stesso pentito e sono state coordinate dalla Dda di Napoli.

I carabinieri hanno ora smantellato l’organizzazione, emettendo cinque ordinanze di custodia cautelare: l'accusa è di associazione per delinquere finalizzata allo spaccio, con l'aggravante di avere favorito l'organizzazione camorristica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo caso anche nelle Marche: positivo al primo test in attesa di controprova

  • Coronavirus, Marche blindate: firmata l'ordinanza

  • Coronavirus, Ceriscioli sta per blindare le Marche. Conte telefona: «Fermi tutti»

  • I carabinieri: «Apra il cofano», lui: «C'è solo un po' di fumo». Arrestato con 5 kg di droga

  • La malattia ha spento il sorriso di Carlo Termentini, lutto nell’imprenditoria

  • Coronavirus, confermato il primo caso nelle Marche: è un 30enne

Torna su
AnconaToday è in caricamento