Uccise il figlio di 5 anni, condannato a 12 anni di reclusione: riconosciuta la seminfermità

Imeri Besart è stato condannato in primo grado per l'omicidio del figlioletto Hamid. Riconosciuta l'incapacità di intendere e di volere. Il pm aveva chiesto 14 anni e otto mesi

Dodici anni di reclusione a Besart Imeri che al momento di uccidere il figlio non era capace di intendere e di volere. Il gup Francesca De Palma ha condannato il 26enne macedone che lo scorso gennaio uccise il piccolo Hamid di appena cinque anni soffocandolo nell'abitacolo della propria auto. Il pm Valentiva Bavai avava chiesto una condanna a 14 anni e otto mesi. 

Imeri nel primo interrogatorio aveva parlato di una forza sovrannaturale che lo aveva spinto ad uccidere il figlio. La seminfermità mentale riconosciuta dal gup era stata riscontrata dall'esperta Francesca Bozzi, incaricata proprio dal giudice per una perizia sul macedone. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiuso nel balcone mentre la compagna fa sesso, è lui ad essere denunciato

  • Tragedia fuori dalla galleria, pedone investito ed ucciso

  • Andava al circolo dagli amici, un furgone l'ha travolto: Gianni è morto così

  • Va al Salesi per partorire ma la bimba muore: aperta un'inchiesta

  • Accosta la macchina e perde i sensi, soccorsi inutili: morto un automobilista

  • Chiedono sigaretta e moneta, poi scatta l’aggressione: tre studenti in manette

Torna su
AnconaToday è in caricamento