Senigallia, l’OIPA: “Tutti in salvo in un'altra struttura i cani del canile sanitario”

Nella tragica emergenza dell'alluvione a Senigallia, infatti, si sono mobilitati da subito e in maniera continua anche i molti volontari delle associazioni per la difesa degli animali

I volontari dell'OIPA a Senigallia

“I cani che avevano dimora nel canile sanitario di Senigallia colpito dalla recente alluvione sono tutti in salvo e trasferiti in un' altra struttura attraverso l'aiuto dell'Asur Senigallia , al gestore e ai volontari a cui va il nostro più caro ringraziamento.” A comunicare la buona notizia Massimiliano Stampella, delegato dell’O.I.P.A.(Organizzazione Internazionale Protezione Animali) della sezione di Ancona.

Nella tragica emergenza dell’alluvione a Senigallia, infatti, oltre alla macchina dei soccorsi ufficiali schierata per soccorrere la popolazione, si sono mobilitati da subito e in maniera continua anche i volontari dell'associazione per la difesa degli animali, che lottando contro il fango e l’acqua non si sono fermati un momento sia per mettere in salvo cani e gatti (ma anche bestiame e animali selvatici), sia con un capillare lavoro di porta a porta per distribuire cibo per animali alla popolazione colpita dall’alluvione, che comprensibilmente aveva poco tempo per provvedere anche a questo aspetto, dovendo gestire le conseguenze più impellenti del disastro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto, il centauro lotta tra la vita e la morte: si indaga sulle cause

  • Schianto sulla Cameranense, Giuliano è morto: ha donato gli organi

  • Il supermercato Tuodì chiude dopo 18 mesi dall'apertura: «Troppa concorrenza»

  • Ragazza annegata a Marina Dorica, sigilli sulla discoteca che le aveva dato da bere

  • La colonia di gatti sta per essere distrutta, l'appello disperato: «In 80 rischiano di morire»

  • Schianto pauroso sulla Cameranense, tre i mezzi coinvolti: motociclista gravissimo

Torna su
AnconaToday è in caricamento