Tasse: Numana, Falconara e Ancona sono le città più colpite

Cna e Confartigianato hanno studiato la tassazione dei Comuni della Provincia di Ancona e il quadro generale emerso è che tutti i Comuni colpiti dai tagli hanno dovuto aumentare la tassazione locale per non essere costretti a togliere servizi al cittadino

Il Comune dove si pagano meno tasse? San Marcello. Il più esoso? Numana. I centri studi di Cna e Confartigianato hanno elaborato nei mesi scorsi uno studio sulla fiscalità dei Comuni della Provincia di Ancona che è stato poi illustrato a imprenditori e politici. Il quadro generale emerso è che tutti i Comuni, colpiti dal taglio dei trasferimenti statali, hanno dovuto aumentare la tassazione locale per non essere costretti a togliere servizi ai cittadini.

Andando ad analizzare le medie di tassazione pro capite emerge che Numana è il Comune più "esoso" nei confronti dei propri contribuenti. Ben 1638 euro annui a cittadino. Non ci si spaventi. A Numana ci sono molte attività e molte seconde case che hanno una tassazione più elevata. Tant'è che il gettito Imu rappresenta oltre il 40% delle entrate tributarie e che sia superiore a realtà con molti più abitanti (oltre 3 milioni per meno di 4mila abitanti contro i 2,4 milioni di, per fare un esempio, Montemarciano che conta 10mila residenti). Il Comune che ha il gettito Imu più elevato è, ovviamente, Ancona (35 milioni) seguita da Senigallia e Jesi.

Per quanto riguarda l'addizionale Irpef, Ancona ha la tassazione media più alta di tutte con 120 euro per ogni cittadino. Segue Falconara (112 euro) e Agugliano (94 euro). Il Comune con l'Irpef meno opprimente è Genga (24 euro pro capite). Nella classifica generale, dopo Numana, abbiamo Falconara con 887 euro di entrate tributarie pro capite e Ancona con 854 euro. Il Comune che tartassa meno i suoi cittadini è San Marcello con "appena" 256 euro l'anno per ogni residente.

I dati riguardano il 2012. Il confronto con gli anni precedenti è impietoso. Mentre nel 2008 le tasse comunali rappresentavano in media il 30% delle entrate comunali, oggi sono diventate il 54% mentre i trasferimenti dello Stato sono passati dal 22% all'8%.

Potrebbe interessarti

  • “Farai la fine del ca’ de Luzi”, il detto anconetano tra leggenda e verità

  • «Sai come se dice in Ancona?» I proverbi top del capoluogo marchigiano

  • La 5°B si ritrova 40 anni dopo la maturità: gita, ricordi e serate mondane

  • Formiche in casa? Prova con l'aglio: i rimedi naturali per allontanarle

I più letti della settimana

  • Cellulare in bagno per copiare la versione, espulso dall'esame di maturità

  • L'invito a cena è una trappola: sequestrata in casa e stuprata

  • Malore fatale mentre torna a casa dal lavoro, muore accasciato sul volante

  • Scontro tra due auto e uno scooter, c’è un ferito e traffico paralizzato

  • Chiedevano 70 euro a prestazione, scoperta la casa squillo sulla Flaminia

  • Lo sterzo si blocca, si schianta contro un'auto e si ribalta: un ferito

Torna su
AnconaToday è in caricamento