Marche, intervista a Gratteri: «Qui le mafie riciclano e vendono cocaina»

Nicola Gratteri ha 57 anni ed è un magistrato e scrittore italiano, dal 2009 Procuratore aggiunto presso la Procura della Repubblica del Tribunale di Reggio Calabria. Attualmente è uno dei magistrati più conosciuti della DDA, in prima linea contro la 'Ndrangheta

Nicola Gratteri - Credit Infophoto

«Le mafie nel Centro Italia ci sono e vengono per riciclare e vendere la cocaina. Il problema esiste e non bisogna cullarsi sugli allori solo perché non ci sono i morti a terra o gli spari alle serrande perché questi avvengono solo quando saltano gli equilibri o non ci si spartisce bene la torta». A dirlo è Nicola Gratteri, Procuratore aggiunto di Reggio Calabria in visita segreta ad Ancona nel fine settimana, che ha scelto di rilasciare un’intervista esclusiva a noi di Ancona Today sulla presenza delle mafie nelle Marche e nel Centro Italia. E' proprio il super pm con esperienza nella DDA a mettere in guardia su come l’assenza di clamore e di fatti di sangue su un territorio non significhi assenza di criminalità organizzata, anzi, paradossalmente potrebbe essere il sintomo di come gli affari della malavita proseguano senza intoppi. Eppure nella nostra regione qualche segnale di deterioramento c’è stato nel 2015. Ad esempio i danneggiamenti a ristoranti e alle strutture balneari sul litorale tra Porto Recanati e San Benedetto del Tronto, dove gli inquirenti hanno evidenziato pressioni estorsive volte alla cessione delle attività. Dunque le mafie verrebbero ad investire nelle Marche? «Certo che le mafie investono - prosegue Gratteri - Questi locali che hanno subito vessazioni e intimidazioni non devono isolarsi, devono avvicinarsi ad associazioni antiracket e antimafia in modo tale da tenere alta l’attenzione. Paradossalmente dovrebbero rendere pubblico quanto accade loro, così da sensibilizzare l’opinione pubblica che, si spera, non lasci sole queste persone. Così i mafiosi desistono dal loro intento per il troppo clamore. Va detto che non posso dire con certezza che nelle Marche le mafie investano perché non ho mai avuto indagini in questo territorio, però presumo che ci siano delle arre e delle situazioni per cui si debba stare molto attenti». 

Ma in una regione tutto sommato "tranquilla" come le Marche, è possibile per il cittadino identificare qualcuno che abbia a che fare con cosche mafiose? «Certo - risponde Gratteri, che prosegue - Ci si accorge quando si vede qualcuno con molti soldi, con grandi disponibilità di contanti, quando arriva uno con l’idea di comprare una fabbrica, un ristorante o un albergo con soldi contanti e sottobanco, offrendo grandi liquidità». Ma come è noto le associazioni mafiose, oltre a riciclare il denaro, sono molto attratte dalle grandi opere. E allora cantieri come la “Quadrilatero”, la “Fano - Grosseto” e lo stesso porto di Ancona possono interessare alle mafie e all’Ndrangheta? «Queste sono opere attrattive al 100%, ma solo gli investigatori del territorio possono sapere quanto queste opere Laura Versace-4siano a rischio. Negli anni si è visto soprattutto come le mafie siano attratte dai subappalti, al punto da poter cominciare a capire qualcosa controllando chi guida il camion che entra nel cantiere, per arrivare poi a conoscere l’ipotetica famiglia mafiosa che c’è dietro».

Gratteri, che è tornato ad Ancona per ricevere un premio, era già stato relatore di diversi convegni ad Ancona incentrati sul tema delle mafie e della legalità insieme all’avvocato anconetano Laura Versace (in foto), che ha analizzato i fenomeni mafiosi in Calabria durante gli studi universitari. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Fu gioiello del fitness, centro commerciale e ludoteca: oggi ci si evoca Satana

  • Cronaca

    Bivaccano davanti l'entrata dell'ospedale tra resti di cibo e alcolici, 5 denunciati

  • Cronaca

    Lutto tra i bersaglieri: è morto Augusto Giancarli

  • Incidenti stradali

    Incidente sulla Statale, l'auto si ribalta dopo lo schianto

I più letti della settimana

  • Voleva aggiustare la serranda, è morto così il vigile del fuoco: per spirito di abnegazione

  • Vola dal 3° piano della caserma, muore vigile del fuoco

  • Il ristorante era il quartier generale della droga, colpo al clan del narcotraffico anconetano

  • Viveva in una villa e guadagnava 20mila euro al mese, arrestato il grossista della cocaina

  • Una coppia di anconetani a Temptation Island Vip, chi sono Andrea e Alessandra

  • Insegnante chiacchierata, i genitori tengono i figli a casa

Torna su
AnconaToday è in caricamento