Scivola dal peschereccio e annega, il porto piange Msaddek: «Era un gran lavoratore»

Sulla vicenda indagano la Capitaneria di Porto e la Polizia Scientifica. Pochi dubbi sulle cause del decesso, si tratterebbe di un incidente. Il 52enne lascia una moglie e due figlie

Le operazioni al molo 1

Era salpato dal Mandracchio alle prime luci dell’alba per la solita battuta di pesca a bordo del Nuovo Alessandro I. Msaddelk Abdallah, 52enne tunisino, trapiantato ad Ancona dalla metà degli anni ’80, era un marinaio esperto che sapeva bene il fatto suo. Chi lo conosceva non avrebbe mai immaginato che la sua vita potesse finire annegando in mare aperto dopo un banale scivolamento fuoribordo. 

La ricostruzione dell'incidente

Poco prima delle 11 il peschereccio anconetano si trovava a 12 miglia dal porto di Ancona e a 7 da Portonovo. Procedeva a una manciata di nodi e aveva già iniziato la battuta di pesca. Quello che è accaduto nei minuti successivi è al vaglio della Capitaneria di Porto e della Polizia Scientifica. I membri dell’equipaggio hanno raccontato agli investigatori che il 52enne stava lavorando a poppa dell’imbarcazione quando sarebbe scivolato e caduto in mare. Il comandante ha subito lanciato l’allarme, raccolto dalla Capitaneria dorica, e contemporaneamente la Nuova Alessandro I ha invertito la marcia per avvicinarsi al corpo in acqua. La motovedetta della Guardia Costiera ha lasciato il porto alle 10.55 e in pochi minuti ha raggiunto il peschereccio. I colleghi di Msaddek avevano già recuperato il corpo esanime e lo stavano issando a bordo quando è stato preso in consegna dai militari. Poco dopo la motovedetta con il cadavere del marinaio è attraccata al molo della Capitaneria mentre il Nuovo Alessandro Primo è stato fatto ormeggiare al molo numero 1, a poche centinaia di metri di distanza. In porto sono arrivati anche gli agenti della Polizia di Frontiera e quelli della Polizia Scientifica che hanno provveduto ai rilevamenti di rito sul peschereccio. Nel frattempo il corpo di Msaddek è stato ispezionato a bordo della motovedetta dal medico legale Raffaele Giorgetti. Il primo riscontro, in attesa dell’autopsia disposta dal Pm Andrea Laurino, conferma la morte per annegamento e l’ipotesi più accreditata sulla causa del decesso resta quella di un incidente sul lavoro. L’equipaggio del peschereccio è stato accompagnato nella sede della Capitaneria per rilasciare le prime sommarie informazioni sull'accaduto. Msaddek era regolarmente iscritto nei registri navali di Ancona ma come atto dovuto gli investigatori dovranno accertare, oltre alla idoneità delle misure di sicurezza di bordo, anche il numero esatto dei componenti dell’equipaggio per verificare l’eventuale impiego di lavoratori irregolari. 

Lo strazio in banchina - VIDEO

Msaddek era molto conosciuto in porto. Era arrivato dalla Tunisia nel 1986 e ha sempre lavorato come marinaio a bordo dei pescherecci. Ex colleghi e semplici amici si sono radunati sul molo attorno alla Nuova Alessandro I. Tra loro c’erano anche il fratello e il cugino del 52enne, che non hanno voluto rilasciare dichiarazioni così come il gruppo di conoscenti. Intorno alle 14,30 è arrivata anche la moglie di Msaddek. E’ stata fatta avvicinare al corpo del marito, che nel frattempo era stato poggiato sul molo, si è inginocchiata ed è scoppiata in lacrime. Dopo una manciata di minuti è stata portata via. Solo un ex marinaio, anch’egli tunisino, ha voluto ricordare pubblicamente Msaddek. «Io lo conoscevo, era un gran lavoratore- ha raccontato l’uomo che non ha preferito restare in anonimato- lui ha sempre lavorato in mare, è arrivato in Italia nel 1986 e qui aveva due figlie. Ha cambiato diverse imbarcazioni, ma era un marinaio esperto e una persona molto seria»

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si annoda una corda al collo e si lascia andare: vigile del fuoco trovato morto in casa

  • Pizzeria a fuoco in piena notte, giallo sulle cause: chiusura forzata e danni ingenti

  • Nuovo caso di Dengue in città, scatta l'allerta: «Finestre chiuse e animali in casa»

  • E' morto Renzo Castellani: era il compagno della consigliera 5 Stelle Romina Pergolesi

  • Apre la nuova scuola di danza, Andreas e Veronica insegnanti d’eccezione

  • La mamma ritrova il suo portafoglio, dentro c'erano i documenti del figlio ricoverato al Salesi

Torna su
AnconaToday è in caricamento