È morto Benito Borioni, storico capo dei tassisti

In prima fila per difendere la categoria, Borioni è stato per anni responsabile della categoria all’interno di Confartigianato. Il ricordo dei vertici dell’associazione

Benito Borioni

“Confartigianato piange Benito Borioni, storico presidente dei taxisti. Abbiamo appreso con grande tristezza della sua morte, una perdita che ci addolora moltissimo. Lo ricordiamo per le sue capacità e per la correttezza dimostrata in tanti anni di attività, per l’impegno da sempre profuso a favore dell’artigianato”. Sono le parole di Marco Pierpaoli e Graziano Sabbatini Segretario Generale e Presidente di Confartigianato Imprese Ancona - Pesaro e Urbino.

Borioni operava ad Ancona e si era speso, negli anni, in varie battaglie a favore della categoria. A lui si deve deve l’avvio del progetto pilota, primo in Italia, del trasporto taxi - bus realizzato nel Comune di Ancona in sostituzione del servizio di linea. “Benito era un uomo di grande valore, che non ha mai fatto mancare il suo apporto, sempre impegnato nell’associazionismo sia per la categoria taxi, ma anche nel Comitato comunale di Ancona e nel consiglio della Confartigianato. Un impegno che ha visto Borioni essere anche dirigente nazionale del settore ed in questo ambito battersi per innovare le leggi del trasporto persone” aggiunge , aggiunge Gilberto Gasparoni, attuale responsabile dei tassisti. 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto dopo un'operazione alla tiroide, l'autopsia: Maycons ucciso da una emorragia

  • Investita sulle strisce pedonali nella strada maledetta: grave una donna di 53 anni

  • Morto dopo un'operazione alla tiroide, ci sono 10 indagati tra medici e infermieri

  • «Mi ha fotografata mentre ero in bagno». Scoppia la lite al mare, arriva la polizia

  • Agguato sotto casa, accerchiato e aggredito da due uomini: uno era incappucciato

  • Tamponano un carabiniere, l'auto si ribalta: all'ospedale due donne e un neonato

Torna su
AnconaToday è in caricamento